Caro benzina e sciopero autotrasportatori, parla l’On. Teresa Bellanova

La Viceministra Teresa Bellanova fa il punto della situazione sul caro benzina e sullo sciopero autotrasportatori.

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato di caro benzina e sciopero autotrasportatori.

Per fare il punto della situazione è intervenuta la Viceministra Teresa Bellanova, Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili:

Ci conferma che domani incontrerà le associazioni trasporti?
«Sì, ho convocato il tavolo dell’autotrasporto già dalla settimana scorsa che, da quando ho avuto questa delega, si riunisce regolarmente ogni mese. Abbiamo fatto un incontro pochi giorni fa, in cui abbiamo avuto una prima intesa, non del tutto soddisfacente, però nel Decreto Energia abbiamo inserito 80 milioni di euro per intervenire sui pedaggi, sull’additivo aumentato nel costo, sulle spese non documentate soprattutto per le aziende artigiane. Ci siamo lasciati perché bisognava fare approfondimenti tecnici, perciò poi ci vedremo domani. Siamo consapevoli della gravità della situazione ma tutti dobbiamo fare uno sforzo perché c’è un’emergenza e ci sono problemi che ci portiamo dietro da decenni e ci vuole il tempo per trovare le soluzioni.»

Poco fa abbiamo sentito il portavoce di TrasportoUnico che ha fatto presente una serie di problemi. Pensa che si riuscirà a scongiurare lo sciopero nei prossimi giorni?
«Se li ho invitati domani è perché dobbiamo affrontare temi che stanno a cuore a tutti. Non so se l’incontro di domani sarà risolutivo, ma lavoriamo tutti insieme per approfondire le situazioni e dare man mano delle risposte. Dal Consiglio dei Ministri l’Art. 6 era uscito in bianco e ci abbiamo messo 80 milioni. Domani vedremo che lavoro possiamo fare sulla parte strutturale, perché all’interno del settore ci sono le emergenze dovute all’aumento dei costi, ma c’è anche tanta concorrenza sleale e illegalità, rispetto alle quali tutti dobbiamo intervenire e assumerci delle responsabilità. C’è qualcosa che va fatto all’interno della filiera, perché non tutto è risolvibile con risorse messe a disposizione dallo Stato. Già ho detto al tavolo che la clausola di adeguamento del prezzo del gasolio deve essere esigibile per i contratti scritti e per i contratti verbali. Su questo punto continuiamo a spingere affinché ci sia un’intesa tra le parti. Lavoriamo per ammorbidire la situazione. Abbiamo consapevolezza della gravità e sappiamo che tutti dobbiamo assumerci delle responsabilità, perché non possiamo bloccare il Paese e lasciare gli scaffali vuoti. La categoria degli autotrasportatori ha avuto un grande ruolo durante la pandemia e ha dato un grande contributo che va riconosciuto. Adesso il Governo deve fare un ulteriore sforzo economico, ma in questa fase non si possono assumere atteggiamenti del “tutto o niente”. Lasciare i prodotti nelle campagne e non farli arrivare sugli scaffali e alla disponibilità dei consumatori, serve solo ad aggravare il problema. Dobbiamo provare a lavorare tutti insieme per dare le migliori soluzioni possibili.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Un autografo dell’ex Beatles Paul McCartney sarà messo all’asta a Città del Messico. Il prezzo stimato è tra i 2.900 e i 2.400 dollari.
Ernia, rapper milanese, classe 1993, è stato ospite a Radio Kiss Kiss nel programma “Stasera…Che serie!” con Lucilla.