Musica e Intelligenza Artificiale: tutti i rischi, non solo per gli artisti

Sono stati rimossi migliaia di brani da Spotify che sono stati generati dall'Intelligenza Artificiale. Ne parliamo con Alessandro Longo.

Quetsa mattina, in Good Morning Kiss Kiss, abbiamo parlato di Intelligenza Artificiale e il suo rapporto con l'arte e gli altri mestieri. Per fare il punto, è intervenuto l'esperto tech Alessandro Longo.

Buongiorno Alessandro, bentornato!

«Buongiorno a voi. Insomma, avete sentito, la più importante piattaforma di streaming, anche su cellulare, ha rimosso decine di migliaia di canzoni che erano state generate dall'Intelligenza Artificiale ed erano state anche "pompate" per apparire prima nelle classifiche di riproduzione, sempre grazie all'Intelligenza Artificiale.»

Quindi se la canta e se la suona.

«Beh, sì, in realtà c'è l'utente che ha utilizzato un'IA per creare queste canzoni. Ha utilizzato una famosa piattaforma che utilizza l'Intelligenza Artificiale, duce, per democratizzare la musica. Ossia: tu non sai suonare lo strumento, ma grazie alla piattaforma puoi realizzare la tua idea.»

Oltre a creare la musica, ti crea gli arrangiamenti, il video, la copertina del disco. Ti crea anche gli ascoltatori!

«Sì, un po' fanno anche questo. Sicuramente si tratta dell'utilizzo di bot per supportare queste canzoni, che non venivano ascoltate da esseri umani, ma erano programmi.»

Quali saranno i mestieri che potrebbero essere oscurati a breve? Quelli più a rischio.

«Stanno già uscendo degli studi a proposito. Quelli che sono più a rischio sono i cosiddetti "colletti bianchi", cioè i lavori d'ufficio, abbastanza semplici e ripetitivi, senza un particolare elemento di creatività o di originalità, e che non si basano particolarmente sulla relazione. Il classico esempio, per cui le grandi aziende già stanno iniziando a licenziare, è il lavoro di back office. Quindi, segretariato, contabilità, risorse umane, persone che scrivono mail e lettere sempre uguali.»

E i burocrati no?

«Se hanno vinto un concorso pubblico non è possibile. Ma può essere probabile che in futuro eviteranno di riassumerli.»

Ti salutiamo Alessandro, grazie!

«Kiss Kiss a tutti!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Nel dark web si mettono in vendita carte di credito rubate e clonate. Ne parliamo con l’esperto tech Alessandro Longo.