Luserna, borgo in provincia di Trento

Oggi ci troviamo in provincia di Trento, a Luserna, uno splendido borgo del Trentino Alto Adige. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.
luserna
ph Matteo Ianeselli / Wikimedia Commons

In questo appuntamento di “Saluti da Kiss Kiss“, rubrica in onda dal lunedì al sabato su Radio Kiss Kiss, facciamo tappa a Luserna, caratteristico borgo del Trentino Alto Adige in provincia di Trento. Si trova a oltre 1300 metri sopra il livello del mare e i suoi abitanti non arrivano a 300.

Ma scopriamo meglio questo incantevole comune!

Perché si chiama così?

Luserna è quella che viene definita “isola linguistica”. La popolazione di questo territorio, infatti, parla una lingua diversa rispetto alle regioni circostanti. Si tratta del cimbro, lingua simile all’antico bavarese. Il nome “Luserna” deriverebbe dal cimbro Laas, che stava a significare “valico”, località di accesso alla Valsugana.

Cosa vedere a Luserna?

  • Chiesa di Sant’Antonio di Padova: la primitiva chiesa sorse affacciata sulla piazza del borgo nel 1711. Durante la prima guerra mondiale la chiesa fu praticamente distrutta dai bombardamenti. Terminato il conflitto, nel 1920 iniziò la sua ricostruzione, che terminò nel 1922.
  • Casa museo Haus Von Prukk: museo della tradizione popolare. L’accesso è consentito con visita guidata, in cui vengono spiegate le antiche tradizioni cimbre e lo stile di vita all’interno della casa e nel borgo.
  • Centro di documentazione: fondazione culturale nata nel 1996 per volontà del Comune di Luserna allo scopo di far conoscere la comunità germanofona cimbra. Ogni anno ci sono importanti eventi espositivi che si aggiungono alle sale museali permanenti.
  • Forte Campo di Luserna: fortificazione militare, situata a 1.549 metri sopra il livello del mare sull’altura di Cima Campo.

Forte Campo – ph Llorenzi

Cosa fare a Luserna?

  • Lago di Lavarone: ad un’oretta da Luserna, questo bellissimo lago color turchese, è balneabile ed ha ottenuto la Bandiera Blu 2020 per la pulizia delle acque e per i servizi offerti. In inverno si trasforma in uno specchio di ghiaccio perfetto per il pattinaggio.
  • Sentiero I Giganti del Bosco: percorso tra abeti bianchi centenari; il più vecchio tra questi era l’Avéz del Prinzep (abete del Principe) considerato il più bello della foresta e il più alto d’Europa (52 metri). Si stimava che avesse circa 270/280 anni. Qualche anno fa una forte raffica di vento lo ha abbattuto, lasciando solo una piccola parte di tronco.
  • Sentiero dell’Immaginario: percorso emozionante che porta alla scoperta di personaggi del mondo fantastico dei cimbri (Tüsele Marüsele, la Frao Pertega, il drago Basilisco o il Sambinelo).
  • Sentiero Dalle Storie alla Storia: percorso dedicato alla grande guerra.

Cosa mangiare a Luserna?

  • I canederli, gnocchi di pane.
  • Tortel di patate, frittelle con impasto a base di patate crude grattugiate fritte nell’olio.
  • Carne salada, salume preparato con tagli di manzo, lingua di vitellone o coscia di cavallo.

I ristoranti suggeriti da TripAdvisor!

  • Ristorante LusernarHof
  • Baita del Neff
  • Rifugio Malga Rivetta

Curiosità su Luserna:

  • Fa parte dei “Borghi più belli d’Italia”.
  • Il forte Campo di Luserna era conosciuto con l’appellativo di “Padre eterno” per la sua sicurezza.

In Good Morning Kiss Kiss è intervenuto il sindaco di Luserna, Gianni Nicolussi Zaiga:

«La caratteristica principale di Luserna, che è poi anche il motivo principale per cui siamo entrati nei “Borghi più belli d’Italia”, è di tipo linguistico. Infatti, a Luserna sopravvive un idioma risalente al periodo medievale, il cimbro, portato dai coloni tedeschi di allora. Sarebbe il tedesco medievale. Il Forte è una delle attrazioni, della prima guerra mondiale, ed oltre ad essere una testimonianza storica ed architettonica serve per capire la realtà del nostro paese. All’inizio della guerra, infatti, il nostro paese è stato il primo ad essere bombardato. Tra le attrazioni, però, ci sono anche il Centro di documentazione, dove il turista può capire come sono avvenuti i primi insediamenti nella zona alpina, può conoscere le nostre tradizioni e la cultura tipica dei paesi di montagna, e la Casa Museo – Haus von Prükk.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Oggi ci troviamo a Brugnato, uno splendido comune della Liguria in provincia di La Spezia. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.
Finalmente è stata approvata la legge Salvamare, presentata nel 2018 dall’allora Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa.