Sottotono

Mastroianni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

“La mia coccinella”, “Tranquillo”, “Dimmi di sbagliato che c’è”, sono solo alcuni dei brani più forti di Big Fish e Tormento.
Mastroianni segna il ritorno dei Sottotono a distanza di vent’anni esatti dall’ultimo lavoro in studio.

I Sottotono hanno sancito in modo indelebile la nascita e lo sviluppo della musica urban in Italia, tra avventure e disavventure rispecchiando totalmente il loro stile e il loro rapporto con il mondo esterno.

Parlano con il cuore, con animo e verità:

«Sottotono per noi sono più di una parte di carriera. È il nostro primo amore per la musica, è una famiglia, è un mondo di ricordi che nessun incidente di percorso e nessuna rottura temporanea ha potuto scalfire.»

Da sempre si ispirano all’hip hop della West Coast americana, così come all’R&B, unendoli a testi in italiano schietti che rispecchiano il linguaggio della strada.

Continua Big Fish:

«Più che di una scintilla che ha riacceso un fuoco, questa ripartenza è frutto di una linfa vitale che non ha mai smesso di scorrerci sottopelle e, quando è riemersa, abbiamo subito capito che era come se questi vent’anni non fossero mai passati. In “Mastroianni” ci sono le due anime dei Sottotono: quella del gusto classico, e quella di chi sa giocare a modo suo…per cui siamo stati amati e odiati.»

ultime canzoni inserite