Grammy Awards 2023: tutti i vincitori. Nessun premio per i Måneskin

I Grammy Awards 2023 hanno decretato i loro verdetti: l'album dell'anno è di Harry Styles, Lizzo miglior produzione. Måneskin a mani vuote.

Questa notte, sono stati assegnati i Grammy Awards 2023

Il premio musical più in vista dell'anno ha finalmente i suoi verdetti. Tra i trionfatori ci sono Beyoncé, che oramai ha scritto la storia della rassegna superando ogni record, poi Harry Styles, con il suo album di grande successo Harry's House, e Lizzo, che si aggiudica la produzione dell'anno con About Damn Time.

Delusione per i Måneskin, che si sono affacciati come favoriti per la vittoria per miglior artista emergente. Il premio, invece, è andato alla 23enne Samara Joy, artista jazz.

Vediamo tutti i vincitori dei Grammy Awards 2023:

Album dell’anno: Harry’s House, Harry Styles
Registrazione dell’anno: About damn time, Lizzo
Canzone dell’anno: Just like that, Bonnie Raitt
Miglior artista emergente: Samara Joy
Migliore performance pop solista: Easy on me, Adele
Miglior performance di un duo/gruppo pop: Unholy, Sam Smit e Kim Petras
Miglior album rap: Mr Morale & the big steppers, Kendrick Lamar
Miglior album dance/elettronico: Renaissance, Beyonce
Miglior canzone r’n’b’: Cuff it, Beyonce
Miglior album country: A Beautiful time, Willie Nelson
Miglior album pop: Harry’s House, Harry Styles
Miglior album urban: Un verano sin ti, Bad Bunny
Miglior album rock: Patient number 9, Ozzy Osbourne
Miglior performance rock: Broken Horses, Brandy Carlile
Miglior canzone rock: Broken Horses, Brandy Carlile
Miglior performance rap: The Heart part 5, Kendrick Lamar
Miglior canzone rock: The Heart part 5, Kendrick Lamar
Miglior performance rap melodica: Wait for U, Future feat. Drake & Tems
Miglior album r’n’b: Black radio III, Robert Glasper
Miglior performance r’n’b: Hrs & hrs, Muni Long
Miglior performance tradizionale r’n’b: Plastic off the sofa, Beyonce
Miglior disco progressive r’n’b: Gemini Rights, Steve Lacy
Miglior performance di musica alternativa: Chaise longue, Wet leg
Miglior album di musica alternativa: Wet leg, Wet leg
Miglior audio book: Finding me, Viola Davis
Miglior album pop tradizionale: Higher, Michael Bublè
Miglior performance country solista: Live forever, Willie Nelson
Miglior performance duo/gruppo country: Never wanted to be that girl, Carly Pearce e Ashley McBryde
Miglior album country: Till you can’t, Cody Johnson
Miglior video musicale: All too well: the short film, Taylor Swift
Produttore dell’anno, non classico: Jack Antonoff
Miglior comedy album: The Closer, Dave Chappelle
Miglior album teatrale: Into the woods (2022 Broadway cast recording)
Miglior film musicale: Jazz Fest: A New Orleans story
Miglior canzone per visual media: We don’t talk about Bruno, da Encanto, Lin-Manuel Miranda
Miglior album vocal jazz: Samara Joy
Miglior Americana album: In these silent days, Brandi Carlile
Miglior performance Americana: «Made up mind», Bonnie Raitt
Miglior American root song: Just like that, Bonnie Raitt
Miglior registrazione dance/elettronica: Break my soul, Beyoncé
Miglior performance metal: Degradation rules, Ozzy Osbourne feat. Tony Iommi
Best engineered non-classical album: Harry’s house, Harry Styles
Miglior compilation soundtrack per visual media: Encanto
Miglior score soundtrack for visual media: Encanto, Germaine Franco

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Oggi è la giornata mondiale della voce. Allora capiamo come usare e mantenere al meglio le nostre voci coi consigli dell’esperta.
Sui suoi profili, Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari ha condiviso un suo scatto di quando, da giovane, era un “metallaro”.