Riki: “Scrivo dall’età di sette anni. In futuro vorrei recitare”

Intervista a Riki, classe 1992, nel format "Due Kiss a distanza" condotto da Marco e Raf su Radio Kiss Kiss.

Riki, pseudonimo di Riccardo Marcuzzo, classe 1992, è l’ospite di questo appuntamento con “Due Kiss a distanza“, l’irriverente format di Radio Kiss Kiss condotto da Marco e Raf.

Marco e Raf: «Dopo tanti mesi di assenza, sei tornato con “Scusa”. Eri teso per la sua uscita?»
Riki
: «Sì, perché di solito non si aspetta così tanto (un anno e mezzo) come ho fatto io. Un po’ di pressione c’è stata, però faccio le cose in modo onesto e sincero. Faccio tutto io, scrivo da solo, quindi decido di fare uscire un pezzo quando sento che sia il momento giusto, e non per logiche di mercato. Sono contento del pezzo e sta andando molto bene.»

Marco e Raf: «Per te sono cambiate molto le cose negli ultimi tre anni, giusto?»
Riki
: «Sì, ed essendo un cantautore ciò che vivo nella vita di tutti i giorni poi si riversa nelle mie canzoni. Sono diverso rispetto a qualche tempo fa, ho cambiato anche gruppo di lavoro, perciò è normale che questi cambiamenti influenzino la mia musica.»

Marco e Raf: «Come nasce il tuo processo creativo?»
Riki
: «Credo poco in chi si chiude in studio per registrare, in modo programmato. La sento una cosa poco “sincera”. Io annoto cose sul cellulare, anche quando sono in giro o a casa. Se ho in mente una melodia la registro sul cellulare, ci canticchio sopra, e a volte faccio anche figure di me**a. Per esempio, una volta ero in metropolitana, feci finta di telefonare a mia madre con la scusa di cantarle un pezzo appena ascoltato alla radio, mentre invece stavo registrando il pezzo che mi serviva per la sera, per poi scriverci su.»

Marco e Raf: «I momenti di svolta nella tua carriera sono stati la partecipazione ad Amici e al Festival di Sanremo. Quale potrebbe essere il terzo?»
Riki
: «Amici è stata un’esperienza fatta a 24 anni e non avevo nessuno dietro. Il Festival di Sanremo è stata un’ottima esperienza, ma ci sono arrivato molto stanco con la testa. Venivo da un periodo in cui volevo sperimentare. Sicuramente a Sanremo tornerò più avanti, non a breve. Il terzo momento non so quale possa essere, sicuramente punto a far girare molto il mio pezzo in radio.»

Marco e Raf: «Tu a chi chiederesti “Scusa”?»
Riki
: «Forse a me stesso, in particolare per delle cavolate che faccio a volte. Ad esempio, quando andavo in giro con il mio sosia e gli avevo affidato tutti i miei social. È stata una cosa matta, ma divertente.»

Marco e Raf: «Oltre a saper cantare, tu sai anche recitare. Faresti un film, tipo con Sorrentino o Muccino?»
Riki
: «Certamente! Io ho fatto tre anni di teatro. Sono laureato in Design e le mie passioni più grandi sono la musica (scrivo canzoni da quando avevo 7 anni), design e l’arte in generale, tra cui il cinema e la recitazione. Mi piacerebbe recitare in futuro.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Novità assoluta nel vocabolario Treccani. Cosa comporta? Lo spiega su Kiss Kiss il prof. Marazzini, presidente dell’Accademia della Crusca.
Checco Zalone è autore di un brano per l’edizione 2022 dello Zecchino d’oro. Insieme a lui, altre firme importanti.