Britney Spears-gate, continua la faida contro sua sorella

Britney Spears ancora all’attacco: “Avrei dovuto schiaffeggiare lei e mia mamma!”

Britney Spears non intende mollare la presa: ha pubblicato un altro lungo post contro la sorella, Jamie Lynn, e la madre.

Sono aspramente dure le parole di Britney, che ha apertamente dichiarato che avrebbe dovuto schiaffeggiare la sorella e la madre “quando ne avevo l’occasione”.

 Proprio qualche giorno fa, Jamie Lynn aveva pubblicato una storia Instagram nella quale implorava Britney di porre fine alle scuse pubbliche e di chiamarla privatamente.

Appello che, a quanto pare, non sembra esser stato accolto dalla sorella maggiore.

Nel post, Britney ha raccontato un aneddoto risalente a quando si separò da Justin Timberlake. In tale aneddoto, la cantante ha puntualizzato le differenze tra lei e la sorella minore.

Stando alle sue parole, Jamie Lynn era una ragazzina viziata che cavalcava l’onda della notorietà della sorella maggiore. Lei, invece, non aveva fatto altro che lavorare tutta la vita per guadagnare una barca di soldi per la sua famiglia. “Jamie Lynn aveva un nuovo show di Nickelodeon… ricordo di aver detto: DIAMINE!! Come fa una ragazzina di 12 anni ad avere uno spettacolo di Nickelodeon? …HMMMM…

Britney questa volta non ha risparmiato neanche la sua stessa madre.

La cantante ha infatti accusato Lynne Spears di essere continuamente strafatta di antidolorifici dopo la separazione da suo padre.

Rivolgendosi direttamente alla sorella minore, ha così concluso il post: “Mi dispiace Jamie Lynn, non sono stata forte abbastanza da fare ciò che si sarebbe dovuto fare… schiaffeggiare te e mamma proprio sulla vostra c**o di faccia!!!!!“.

Per sapere cosa è successo in precedenza tra le sorelle Spears, clicca qui.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il producer multiplatino AVA torna, in radio ed in digitale dal 1 luglio, con il singolo “Tête”. Ad accompagnarlo ci saranno i rapper Medy e VillaBanks.
Siccità ed emergenza idrica stanno mettendo a dura prova l’Italia. Ne parliamo con Stefania Di Vito di Legambiente.