WeSportUp, l’Impresa nello Sport: aperta la nuova call per start-up in ambito sport e
wellness

Sabato, nella rubrica "Economia per tutti", con Luca Iovine, abbiamo parlato dell'innovativo progetto WeSportUp.

Lo sport ha tante declinazioni e può essere fonte di lavoro anche per chi non lo pratica a livello agonistico: dirigenti, giornalisti, procuratori, terapisti, e così via.

Sono tanti i modi attraverso i quali lavorare in ambito sportivo anche in maniera autonoma come imprenditori. Se sei un grande appassionato di sport ma non hai il “fisico” o il talento, potresti creare un’azienda e con quella coltivare la tua passione; un po' come Enrico, il protagonista del film “Mixed By Erry” – da poco nelle sale - che voleva fare il Dj e, a modo suo, realizzò una grande “casa
discografica” nel centro di Napoli.

Le vie dello sport come quelle della musica sono infinite e per gli aspiranti imprenditori c’è una grandissima opportunità che si chiama WeSportUp. Si tratta di un acceleratore dedicato a startup che operano negli ambiti dello sport e del welness, che ha riaperto le attività dopo la fortunata edizione del 2022.

WeSportUp è nato su iniziativa pubblica e coinvolge diversi operatori istituzionali e privati oltre che società sportive come la Juventus F.C. per “accelerare” idee imprenditoriali legate allo sport e trasformarle in business di successo.

La gestione operativa del programma è affidata a professionisti della creazione di impresa in ambito sport-tech che già hanno partorito start up d’eccezione come Wyscout, una app molto usata in ambito professionistico per scoprire i talenti del calcio: i nuovi Messi, Osimhen e Neymar, per intenderci, saranno visionati attraverso una app.

La prima edizione di WeSportUp si è conclusa a dicembre scorso dopo un percorso di 9 mesi, che ha coinvolto quasi 600 startup provenienti da 32 paesi differenti, con risultati molto interessanti. L’edizione 2023 di WeSportUp partirà con una open call della durata di 3 mesi, con l’obiettivo di ricercare le realtà più interessanti che sviluppano prodotti o servizi dedicati allo sport e al benessere in tutti gli ambiti di innovazione. Si tratta di soluzioni che impattano su 8 focus area, tra le quali: Fitness & Lifestyle; Wellness & Nutrition; Fan Experience & Metaverse; Gaming & Esports; ESG & Sustainability.

La ricerca delle start up culminerà a metà giugno con il Selection Day, evento dove verranno selezionate le “nascenti aziende” che avranno accesso alla fase di accelerazione, un percorso di 14 settimane coordinato dal team di WeSportUp, fatto di momenti di coaching, workshop di business training, masterclass con professionisti del mondo sport-tech, sessioni di lavoro con le aziende partner. L’obiettivo principale è accelerare la maturazione delle startup preparandole adeguatamente all'incontro con investitori e clienti che possano investire in questi nuovi progetti dando luce e vita ai nuovi imprenditori dello sport. L’evento conclusivo del programma sarà il Demo Day, previsto per inizio novembre, dove le startup si presenteranno ai partner dell’acceleratore, agli investitori e a tutti gli stakeholder dello sport industry italiana.

Le startup interessate a prendere parte alla selezione di WeSportUp potranno presentare la propria candidatura fino al 24 maggio utilizzando il sito dedicato www.wesportup.it. Intanto in settimana scade il bando lo SPORT DI TUTTI rivolto ad enti pubblici e privati che attraverso lo sport producono integrazione sociale.

Se vuoi saperne di più, Luca Iovine e Raoul hanno parlato di questi temi, sabato mattina alle 8.25 nella rubrica “Economia per tutti”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Un diplomato su due diventa matricola e sceglie economia, ingegneria e facoltà scientifiche le più scelte
La scelta di Pamela Anderson di sfoggiare la sua bellezza naturale alla Paris Fashion Week non è passata inosservata. È un nuovo trend?