Ristori 2022, come funzionano e chi potrà riceverli

Il punto sulle novità fiscali e sui ristori 2022 previsti nel prossimo Decreto Legge con Francesco Oliva, direttore Informazione Fiscale.

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato di ristori 2022 e delle novità fiscali.

Per approfondire l’argomento è intervenuto Francesco Oliva, direttore informazionefiscale.it:

«Il Governo sta lavorando ad un Decreto che dovrebbe essere approvato entro dieci giorni al massimo e che andrà ad aiutare solo alcune categorie di imprese, in particolare nei settori dello spettacolo, del turismo, dello sport. Quindi, le imprese che maggiormente sono state colpite dagli ultimi provvedimenti restrittivi. L’importo che dovrebbe essere stanziato dovrebbe ammontare a poco più di un miliardo di euro. Bisognerà capire se questi contributi verranno erogati automaticamente o se invece saranno legati alla dichiarazione dei redditi. Sicuramente, non saranno diretti a tutte le categorie di imprese. Con l’ultima Legge di Bilancio per il 2022 è stata riformata l’IRPEF ed è passata da cinque a quattro aliquote. I risparmi maggiori si concentrano sui redditi lordi che vanno da 40mila a 60mila euro. In questo modo il Governo ha fatto la scelta precisa di aiutare il ceto medio. Per quanto riguarda lo stop del caro bollette, la misura di cui oggi si parla potrebbe essere applicata per i primi tre mesi dell’anno, fino al 31 marzo. Il Governo sta lavorando anche su un piano non fiscale, che è quello di aumentare a livello strutturale l’offerta del gas che viene prodotto dai gestori. Un intervento esclusivamente sull’Iva, salvo per un periodo provvisorio, sarebbe troppo complicato da applicare. Se ci dovessero essere le risorse, sarebbe molto più credibile un intervento sugli oneri di sistema, cioè quella parte di bolletta che paghiamo a prescindere dai consumi ed è una tassa a tutti gli effetti.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.