Bollette energia, cosa succederà e come risparmiare

L'aumento delle bollette di energia e gas sta mettendo le famiglie a dura prova. I consigli del Presidente Codacons, Gianluca Di Ascenzo.
energia-gas

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato di bollette di energia e gas e del loro aumento.

Per fare il punto della situazione è intervenuto Gianluca Di Ascenzo, Presidente Codacons:

«Secondo l’Autorità, la stima complessiva dell’aumento sulle bollette è di circa mille euro all’anno a famiglia, di cui 334 euro sull’energia e 610 sul gas. In realtà, altri Istituti hanno previsto che l’aumento potrà arrivare fino a 1200 euro all’anno. Sicuramente il freddo dell’inverno non sta aiutando, perché abbiamo più bisogno di energia in questo periodo. Poi i risultati ce li ritroveremo in bolletta tra qualche mese. Quanto impatterà la questione Ucraina-Russia-Stati Uniti? Beh, ci auguriamo che la Russia si fermi qui e che sia solo un braccio di ferro tra potenze. Altrimenti si rischia davvero uno scenario di guerra, che nessuno si augura, e che inevitabilmente andrebbe ad impattare su tutti noi. Nell’ultimo periodo si sta un po’ di più approfondendo l’utilizzo del termocamino, del pellet, della legna, che in alcune realtà del nostro Paese già diffuse da anni. Sappiamo che molte famiglie per il riscaldamento non usano la caldaia a gas, ma usano la stufa a pellet, riuscendo ad ottenere prezzi più favorevoli. In passato in alcuni posti era di uso normale, oggi lo stanno riscoprendo molte famiglie. Se poi si affiancano anche gli interventi di efficientamento energetico, con la sostituzione degli infissi, ad esempio, ed un consumo più consapevole dell’energia, si sta facendo un po’ di necessità virtù. Questa crisi, secondo, alcuni, dovrebbe finire entro la prima metà di quest’anno, poi arriverà l’estate e sicuramente i consumi diminuiranno.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Halsey su Tik Tok: “Ho una canzone che amo che voglio pubblicare al più presto, ma la mia etichetta discografica non me lo permette”.
Il 12 giugno 2022 ci sarà il Referendum abrogativo della giustizia. Dei dettagli ne parliamo con il giornalista Francesco Boezi.