Yemen, 35 umili pescatori diventano ricchi grazie ad un capodoglio

Un gruppo di umili pescatori si è imbattuto in una carcassa di capodoglio al largo della costa yemenita. L'esemplare enorme è stato ritrovato galleggiante e senza vita non molto lontano dall'area in cui gli uomini intendevano dirigersi per la propria giornata di lavoro.

Una storia incredibile arriva dallo stato dello Yemen, nella penisola arabica.

Un gruppo di umili pescatori si è imbattuto in una carcassa di capodoglio al largo della costa yemenita. L’esemplare enorme è stato ritrovato galleggiante e senza vita non molto lontano dall’area in cui gli uomini intendevano dirigersi per la propria giornata di lavoro.

Attratti dalle potenzialità della carcassa, spesso custode di quantità importanti di ambra grigia, hanno coinvolto diverse imbarcazioni e colleghi per ricondurla in porto.

Tornati sulla terraferma, ecco l’incredibile sorpresa: il ventre del cetaceo era pieno di ambra grigia! Questo preziosissimo materiale – definito anche come “oro galleggiante” – è utilizzatissimo nell’industria dei cosmetici.

Estratta l’ambra, i pescatori l’hanno rivenduta al mercato ottenendo oltre 1,5 milioni di dollari di compenso! I soldi sono stati subito divisi tra gli autori del traino e – in parte – donati alle persone più povere del loro villaggio di origine.

Un dono straordinario arrivato dal mare e che ha cambiato per sempre il destino di centinaia di famiglie povere.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il producer multiplatino AVA torna, in radio ed in digitale dal 1 luglio, con il singolo “Tête”. Ad accompagnarlo ci saranno i rapper Medy e VillaBanks.
Siccità ed emergenza idrica stanno mettendo a dura prova l’Italia. Ne parliamo con Stefania Di Vito di Legambiente.