Il sogno di Glasgow: 10 alberi per ogni abitante

Più alberi significa migliore qualità dell’aria, minore inquinamento. Più spazi ed aree dove difendersi dal caldo torrido o dalle piogge battenti. Meno dissesto, più sicurezza. Meno tragedie, più bellezza.

Il cambiamento parte dai piccoli gesti.

Chiudere un rubinetto, riciclare un rifiuto, piantare un albero. Si tratta di azioni semplici e banali che possono però segnare una svolta nel destino del pianeta e dell’umanità.

Quando queste piccole azioni ispirano un’intera comunità ecco prodursi un meraviglioso cambiamento!

E’ il caso di quanto sta per avvenire in Scozia, nella città di Glasgow, dove si terrà la Cop26: un importantissimo e cruciale summit sul clima.

La popolazione e le istituzioni locali hanno promosso un’iniziativa che promette di rivoluzionare l’ambiente urbano nel prossimo decennio: saranno piantati 10 alberi per ogni singolo abitante.

Glasgow si ritroverà così ben 18 milioni di alberi in più nel proprio recinto urbano, portando così al 20% l’incidenza complessiva della vegetazione.

Si tratta di un progetto ambizioso e rivoluzionario, una pietra miliare dell’impegno – ben più corposo e gravoso – che attende l’umanità nei prossimi decenni: contenere il cambiamento climatico.

Più alberi significa migliore qualità dell’aria, minore inquinamento. Più spazi ed aree dove difendersi dal caldo torrido o dalle piogge battenti. Meno dissesto, più sicurezza. Meno tragedie, più bellezza.

Più alberi significa, semplicemente, più vita.

Un gesto così piccolo come piantare un albero finisce così col racchiudere in sé il seme di una nuova umanità, più rispettosa e generosa. Più grata, più felice.

Cosa stiamo aspettando? Replichiamola anche noi!

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.