Tennis, avvio in salita per l’Italia in Coppa Davis, ora si fa dura

Inizia, nel peggiore dei modi, il cammino dell’Italia nel girone di Coppa Davis che si disputa a Bologna. Gli azzurri, senza Sinner e Berrettini, sono stati sconfitti all’esordio (3-0) dal Canada campione in carica, ma orfano del suo miglior giocatore (Auger Aliassime n.14 del ranking Atp) e con Shapovalov (n.31) tenuto in panchina dal capitano Dancevic.

Sonego e Musetti, nonostante il tifo dell’Unipol Arena, hanno ceduto in due set a Galarneau (76 64) e Diallo (75 64) sostanzialmente dei carneadi del circuito, rispettivamente numero 158 e 200 del mondo. Battuto anche l’inedito doppio Arnaldi-Bolelli (con Vavassori a riposo per un problema alla schiena), ma che almeno è riuscito a strappare un set alla coppia Pospisil-Galarneau (67 64 76). Adesso per qualificarsi alle finali di novembre a Malaga, l’Italia deve battere Cile e Svezia, meglio se 3-0.

Per la sfida contro Jarry e compagni, venerdì, il capitano Volandri potrebbe anche decidere di rischiare in singolare Arnaldi, apparso nettamente il migliore degli azzurri nella prima giornata di gare. Il 22enne sanremese, esploso quest’anno fino a raggiungere gli ottavi agli Us Open (fermato da Alcaraz) ha appena stabilito il suo best ranking al numero 47.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il FEM (Future Education Modena) è un centro per l’innovazione in campo ambientale ed educativo che sviluppa progetti in grado di coinvolgere i ragazzi delle scuole italiane