Sinner e Bagnaia, l’Italia che vince e fa sognare

Pecco che mostra orgoglioso la maglietta con il numero 1, Yannik che alza la storica insalatiera. I due momenti che celebrano lo sport azzurro in una domenica di fine novembre.

La MotoGP che parla italiano a tutto tondo con il successo della Ducati e del 25enne torinese in sella alla Desmosedici, Sinner il giovane-vecchio di un tennis che guarda al futuro ma ha già un presente. E se a Valencia, Martin alza bandiera bianca con una caduta al settimo giro (ma era lontano dal podio), a Malaga è Arnaldi a sprintare nel primo singolare della finale contro l’Australia. Vittoria in tre set su Popyrin e trionfo apparecchiato per un Sinner cannibale: dopo Griekspoor e sua maestà Djokovic, in singolo e in doppio, De Minaur costretto alla resa (63 60). La Coppa Davis torna dunque in Italia: il capitano Volandri come Pietrangeli, Yannik come Panatta. Sonego, Musetti e Bolelli (con Berrettini uomo spogliatoio) emuli di Bertolucci, Barazzutti e Zugarelli.

I nuovi eroi della racchetta -la data è ancora da definire- saranno al Quirinale da Mattarella per ricevere il giusto tributo, Bagnaia -che al Colle c’è stato lo scorso anno- si godrà viceversa il meritato riposo dopo una stagione che lo ha riconfermato al vertice del motomondiale.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Liam Gallagher ha affermato che l’iniziativa per il ritorno sui palchi degli Oasis dovrebbe prenderla fratello Noel.
Nel Regno Unito, Mary Poppins è passato dall’essere un film per tutti a essere un film per bambini dai dodici anni in su.