Il Collegio 6: genitori in classe e nuove liti

Nuovo appuntamento ieri sera, martedì 7 dicembre, con la sesta puntata de Il Collegio 6. Mentre le liti infiammano la classe 1977, arrivano in Collegio i genitori.

Rientrati in collegio dopo la gita, gli studenti vivono forti emozioni. In occasione del convegno “I giovani oggi”, dedicato al rapporto dei giovani con scuola e famiglia, al Regina Margherita di Anagni vengono convocati i genitori dei collegiali, che hanno così l’opportunità di riprovare l’ebrezza di ritornare tra i banchi di scuola e di dedicarsi alla lettura del classico per ragazzi “Cuore”. È un momento di riflessione per le madri e i padri degli allievi della classe 1977, che riflettono sulle difficoltà di essere genitori e si confrontano con i propri figli, sotto la guida di un attento psicologo.

Si svolgono le lezioni. Segue una pausa di svago e il desiderio di una “birretta”. Infine i genitori dei collegiali decidono di curiosare nelle camere dei loro figli e di lasciarsi andare anche a qualche monelleria. Finalmente arriva il momento di accomodarsi a tavola. Il pranzo non è gradito e la minestra calda del Regina Margherita viene mandata giù controvòglia.
Il convegno giunge al termine e per gli studenti è tempo di salutare i genitori, non senza lacrime.

Prosegue l’avventura dei collegiali. Radunati in aula ricreativa, i protagonisti de Il Collegio guardano la 27° edizione del Festival di Sanremo, la prima irradiata a colori. Ma non tutti sono interessati al programma. Infatti, Rebecca, Matilde, Alessandro e Giovanni sono impegnati a imparare le dispense per relazionare al Preside la giornata trascorsa in compagnia dei genitori.

Inizia un nuovo giorno con la consueta colazione mattutina e il poco atteso rientro in classe, dove li attende la prof. Petolicchio. Stanchi e impreparati, gli allievi studiano un piano infallibile per scappare dall’aula, presentandosi in classe con il pigiama. Non tutto va come immaginato e questa bravata costa l’allontanamento dal collegio di Giglio, definito da tutti come un traditore e un “infame”.

Dopo settimane di preparazione, per i collegiali è arrivato il momento di scrivere la sceneggiatura del cortometraggio da mettere in scena durante la lezione di cinema. È per loro fonte di ispirazione l’attore Terence Hill, tra gli idoli indiscussi degli anni ‘70, assieme a Bud Spencer.

Le lezioni si fanno sempre più complesse e i voti continuano a calare: c’è in gioco la permanenza in collegio. Questo poco importa ai collegiali che, durante le interrogazioni, improvvisano senza pudore divertendosi e inventando risposte alle domande dei docenti.

Il Collegio procede ora dopo ora, giorno dopo giorno. Il prof. Raina fa un esperimento mentre la prof. Smaniotto risveglia la classe con la canzone “Sei bellissima”. Tra test, momenti di svago e attività ricreative, ai collegiali viene data la possibilità di fare una gita nel centro storico di Anagni con il prof. Carnevale, con una lezione che prevede anche una gara didattica.

Quella appena trascorsa è stata una settimana di sproni e riflessione, ma anche di punizioni e bravate. Riusciranno gli allievi della classe 1977 a liberarsi dall’etichetta di “pagliacci”?

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.