Costantino della Gherardesca: «”Pechino Express” aiuta a superare le paure»

Alla vigilia della nuova stagione di "Pechino Express", è intervenuto il conduttore Costantino della Gherardesca.

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss è intervenuto Costantino della Gherardesca, conduttore di “Pechino Express“, adventure-game che ripartirà il 10 marzo.

Con il ritorno di “Pechino Express” avremo modo di vedere tantissimi posti belli…
«Hai perfettamente ragione, vedere i posti belli e soprattutto quelli che normalmente non vediamo in televisione è l’obiettivo principale di “Pechino Express”.»

Ci puoi anticipare qualche bel posto che vedremo?
«Assolutamente sì. Come sapete, è una gara tra i concorrenti che devono affrontare diverse difficoltà e tra queste difficoltà sicuramente c’è la geografia. I concorrenti passeranno attraverso deserti, dove ovviamente fa molto caldo, e forse dovranno prendere dei dromedari, chissà. Potrebbero andare attraverso altopiani freddissimi dell’Uzbekistan e delle montagne della Cappadocia. Chi sopravvive, vincerà dei soldi che andranno in beneficenza.»

Quali sono le prove più complesse a cui hai assistito?
«Durante la prima edizione, in cui io ero concorrente (poi dopo sono diventato conduttore). La produzione non sapeva bene come regolarsi e siamo finiti in India del Nord con un’ondata di calore: facevano 50 gradi. Me la ricordo come un’esperienza indimenticabile, però è stata indubbiamente difficile. Innanzitutto, quado fa così caldo non ci si può vestire poco, anzi, al contrario ti devi coprire tutto. Ci facevamo qualche doccia di fortuna.»

È vero che “Pechino Express” aiuta a superare le paure?
«A me sicuramente ha aiutato a superare le paure. Quest’anno Victoria Cabello supererà le proprie paure, perché soffre di agorafobia e ha paura di infezioni, animali, ecc. Personalmente, io avevo la paura degli spazi con tante persone. Grazie a “Pechino Express” ho superato questa paura.»

Qual è il viaggio che vorresti fare e che ancora non hai fatto?
«Vorrei fare un viaggio che è molto disagiato e, paradossalmente, caro. Si tratta di attraversare il fiume del Congo. Questo stato, infatti, si può attraversare o in aereo o in barca, non ci sono strade da attraversare con la macchina. Risalire per il Congo River attraverso le giungle dell’Africa nera, stranamente costa abbastanza caro anche per motivi di sicurezza. Sono molto curioso di vedere i gorilla nel loro habitat naturale.»

Quale credi che sia uno dei posti migliori al mondo per vivere, anche per qualità della vita?
«Direi Taiwan, Singapore e altri luoghi dell’Estremo Oriente. Poi Corea del Sud e Giappone.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo la notizia che i membri dei BTS si prenderanno una pausa, J-Hope annuncia l’uscita del suo album “Jack in the Box”.
Tumori della pelle non melanoma. Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Paola Queirolo nel nuovo appuntamento con il network editoriale PreSa.