Sophie and the Giants: intervista a Radio Kiss Kiss!

Gusta qui la nostra intervista esclusiva a Sophie and The Giants!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Continuano le grandi interviste targate Radio Kiss Kiss! Protagonista dell’ultima chiacchierata ai nostri microfoni Sophie Scott dei Sophie and The Giants!

Ciao Sophie, benvenuta su Radio Kiss Kiss. Come stai?

Ciao Radio Kiss Kiss. Sto molto bene, grazie!

La storia di Sophie & The Giants è iniziata nel 2017. Dopo gli studi vi siete trasferiti a Sheffield, nel nord dell’Inghilterra. Come sono stati i tuoi inizi?

Ci siamo incontrati a Guildford dove studiavamo musica, poi ci siamo trasferiti a Sheffield perché era più conveniente. Volevamo fare musica tutto il tempo, senza distrazioni. Siamo andati in tour per qualche anno in giro per l’Europa con Tom Grennan e Barns Courtney.. e l’anno scorso, in piena pandemia, è stata una sorpresa incredibile. Tutto è cambiato con “Hypnotized” ed è stato così strano perché eravamo chiusi in casa e ho vissuto tutto il successo praticamente chiusa in casa.

L’ incontro con Tino Piontek, Purple Disco Machine, ti ha portato tanta visibilità e successo. Cosa hai provato quando tutto il mondo ha cantato “Hypnotized”?

Non ho avuto modo di vivere la dimensione live e di vedere il pubblico cantare “Hypnotized” perché a causa della pandemia non abbiamo potuto fare concerti. Io e Tino ci siamo incontrati per la prima volta la scorsa estate in Italia all’Arena di Verona e non c’era nemmeno il pubblico per le disposizioni anti-covid. Avverto comunque il calore della gente tramite i social media… spero di poter vedere presto i fan cantare le mie canzoni!

“Right Now” è un grande successo qui in Italia e su Radio Kiss Kiss. Il testo è un inno alla rinascita, canti: “sono stata triste troppo tempo, adesso canto sotto la doccia, metto la musica a tutto volume…”. Quanto c’è di te in questa hit ?

Ho scritto “Right Now” durante la pandemia ed il testo riflette esattamente quello che desideravo in quel momento: volevo uscire di casa, non volevo cantare sotto la doccia ma in un bar o insieme ai miei amici. La canzone vuole trasmettere positività, la sensazione che le cose stanno cambiando, è un invito ad amare se stessi. In quest’ultimo anno abbiamo vissuto una dimensione più intima, la speranza è davvero che le persone abbiano imparato che bisogna amarsi di più.

Come nasce il nome della vostra band Sophie and The Giants?

È nato quando eravamo al college. Suonavamo molto durante le lezioni e le persone che suonavano con me erano molto più alte di me (tutti lo sono in realtà perché sono molto minuta). Dovevamo trovare un nome ogni volta che ci esibivamo e ormai era diventata un’abitudine chiamarci Sophie and The Giants. Così quando abbiamo creato la band, il nome è stato subito chiaro. Sophie and the Giants! Chiunque, davvero, è un gigante vicino a me. Mi piace molto questo nome anche perché con la nostra musica vogliamo che le persone si sentano giganti, anche se magari sono minute e addirittura più piccole di me.

Ti piacciono musicalmente gli anni 80’, come nasce questa passione?

La musica degli anni 80 è una mia fonte di ispirazione, probabilmente per l’influenza dei miei genitori. Sono cresciuta ascoltando la musica di quel periodo, come la disco music. Era destino avvicinarsi a questa musica ed esserne ispirati nella scrittura.

Sei sempre molto aperta alle collaborazioni, l’ultima è proprio con l’artista italiano Michele Bravi. Come vi siete conosciuti? Raccontaci qualcosa sulla canzone

Io e Michele ci siamo incontrati quando abbiamo deciso di fare la canzone insieme. Michele mi ha mandato la canzone e ho solo chiesto di provare a scriverci sopra qualcosa, quindi ho scritto una strofa in inglese. Poi abbiamo deciso di andare avanti con la collaborazione. È successo tutto davvero velocemente, è nato tutto solo un mese fa… ed ora, un mese dopo, la canzone è uscita e abbiamo girato anche un video in Italia. È stato tutto molto veloce e abbiamo avuto un bellissimo feeling fin da subito. Abbiamo voluto che la canzone uscisse in fretta perché le persone non potevano non sentirla subito!

Sei un vero talento nel canto. Ci sveli altre tue passioni oltre alla musica?

Altre passioni oltre alla musica? La musica è davvero la mia più grande passione, vi sto dedicando la mia vita ed è ciò che amo di più… comunque, mi piace bere tequila, stare con i miei amici, uscire, stare all’aperto… Mi piaceva molto ballare quando ero più giovane, ora non così tanto… ma per il video del singolo con Michele ho ballato ed è stato emozionante!

Ora che il mondo sta lentamente tornando alla normalità, qual è il viaggio che ti sei promessa di fare prima possibile?

Il prossimo viaggio che desidero fare è tornare assolutamente in Italia, ci sono stata di recente per registrare il video del singolo con Michele, è il mio posto preferito e ci voglio tornare prima possibile!

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Oggi con Max&Max andiamo in visita in un luogo magico, custode di reperti incredibili: il museo delle mummie di Ferentillo.
È morto all’età di 57 anni il padre della star della musica mondiale Adele. I due avevano un rapporto molto travagliato.