Usseaux, comune piemontese in provincia di Torino

Oggi ci troviamo in provincia di Torino, a Usseaux, uno splendido comune del Piemonte. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.

In questo appuntamento di “Saluti da Kiss Kiss“, rubrica in onda dal lunedì al sabato su Radio Kiss Kiss, facciamo tappa a Usseaux, caratteristico comune del Piemonte in provincia di Torino. È costituito da cinque comuni in uno. Fa parte de “I Borghi più belli d’Italia” e dal 2011 detiene la Bandiera arancione dal Touring Club Italiano

Ma scopriamo meglio questo incantevole comune!

Perché si chiama così?

Il toponimo potrebbe avere origini celtiche (“uxellos = alto”). Il paese fu attraversato nei tempi antichi da Giulio Cesare, che, nel “De Bello Gallico”, cita il villaggio di nome “Occellum”.

Cosa vedere a Usseaux?

  • Usseaux capoluogo: si tratta del paese dei “murales e del pane”. È costituito da murales e dipinti, dal forno, da alcune belle fontane, dal grande lavatoio e dall’antico mulino della famiglia Canton, oggi completamente ristrutturato e funzionante.
  • Pourrieres: è la borgata della battaglia dell’Assietta, la più importante del Piemonte, che si combatté nel 1747. Al suo interno si trova un suggestivo percorso di visita a cielo aperto che ricorda gli avvenimenti storici della battaglia.
  • Balboutet: è la frazione del sole, delle meridiane e delle rondini. Lungo la via centrale e nei vicoli della borgata si possono scoprire diversi quadranti solari (ventiquattro), dipinti sulle facciate degli edifici e tutti funzionanti.
  • Fraisse: è la borgata del legno, perché è circondata da grandi boschi e foreste di Larice e Pino Cembro. Di grande interesse il percorso di visita composto da diversi pannelli scolpiti in legno.
  • Laux: si tratta della borgata dell’acqua, che si ritrova in varie forme e luoghi, e dei conflitti religiosi tra Cattolici e Valdesi, che caratterizzarono circa 500 anni di storia, dell’alta valle e non solo.
  • Museo “Brunetta d’Usseaux – Protagonisti ed Eroi”: è dedicato in particolare alla figura del Conte Eugenio, l’unico italiano ad essere stato Segretario del CIO.

Usseaux – ph F. Ceragioli

Cosa fare a Usseaux?

  • Attività all’aperto: percorsi sentieristici ed escursionistici offrono la possibilità di apprezzare i luoghi immersi nella natura e nella sua tranquillità.
  • Strada dell’Assietta: si tratta di una strada militare, paradiso per le mountain bike.
  • Località Pian dell’Alpe: presente un ampio pianoro a circa 2.000 metri di altitudine ubicato poco sopra la borgata di Balboutet, di grande interesse naturalistico, paesaggistico.

Cosa mangiare a Usseaux?

  • Plaisentif, formaggio tipico detto anche “delle viole”
  • Cajette, gnocchi simili ai canederli del Trentino
  • Glara, torta salata a base di patate, con pancetta, cipolla, latte, uova
  • Gofri, cialde di pasta composte solamente da acqua, farina e lievito. Il loro sapore neutro li rende ottimi con abbinamenti sia con il dolce che con il salato

Ecco alcuni ristoranti da provare!

  • Ristorante La Placette
  • Ristorante dal Dahu
  • Trattoria Edelweiss

In Good Morning Kiss Kiss è intervenuto Andrea Ferretti, sindaco di Usseaux:

«La visita di solito parte da Usseaux capoluogo. Non si tratta, infatti, di un unico comune con frazioni, ma di cinque paesi in uno. Usseaux capoluogo è la borgata dei murales e del pane, che viene fatto con un antico mulino ancora funzionante. La borgata Balboutet, invece, è la frazione del sole, perché per tutto l’anno non va mai in ombra ed è il centro agricolo più importante. Poi c’è Pourrieres, che è la borgata della battaglia più importante del Piemonte in cui vennero sconfitti i francesi. Ancora, Fraisse è la borgata del legno e Laux è la borgata dell’acqua. Sul nostro territorio c’è anche il Colle delle Finestre, situato all’interno del parco naturale Orsiera Rocciavrè, molto conosciuto dagli amanti del ciclismo. La Strada dell’Assietta, inoltre, è una strada militare, paradiso per le mountain bike. C’è anche una rete escursionistica fantastica e ampissima. Tipico il nostro formaggio “Plaisentif” o “formaggio delle viole”, che viene prodotto solo tra il 20 giugno e il 20 luglio, quando c’è la fioritura ad alta quota. Tra i piatti tipici ci sono i piatti a base di patate, tra cui le “Cajette”, gnocchi che sono l’equivalente dei canederli del Trentino Alto Adige.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.