Perinaldo, borgo ligure in provincia di Imperia

Oggi, su Radio Ksis Kiss, abbiamo scoperto attrazioni e specialità di Perinaldo, ascoltando le parole dell'assessore Alberto Passerone.
Oggi, nella nostra rubrica saluti da Kiss Kiss, abbiamo parlato di Perinaldo, un piccolo borgo in provincia di Imperia, ascoltando le parole dell’assessore Alberto Passerone.

Perinaldo è un comune che sorge non lontano dal confine con la Francia e dalla costa ligure. È situata tra le Alpi e il Tirreno, a 572 chilometri sul livello del mare, e conta 850 abitanti circa.

Luoghi di interesse a Perinaldo:
  • Osservatorio astronomico comunale “Giovanni Domenico Cassini”: fondato nel 1989; nel 2012 il sindaco di Perinaldo ha ricevuto il certificato relativo alla nomina dell’asteroide 7556 Perinaldo.
  • Museo “Giovanni Domenico Cassini”: datato 1997, contiene una mostra dedicata all’astronomo perinaldese cui è intitolata la struttura. Cassini è considerato a tutti gli effetti il primo astronomo moderno.
  • Chiesa parrocchiale di San Nicola da Bari: costruita nell’XI secolo, ampliata e restaurata nel tempo, tra le opere al suo interno contiene una tela attribuita a Bartolomeo Gennari.
  • Oratorio di San Benedetto: costruito nei primi del ‘500, sostituito meno di un secolo dopo per contenere tutti i membri della Compagnia di San Benedetto. La struttura precedente era reputata troppo piccola e stretta.
  • Chiesa di sant’Antonio: tra le varie opere al suo interno, contiene una Natività attribuita a Bartolomeo Puppo e un San Sebastiano della scuola del Carrega.
  • Santuario di Nostra Signora della Visitazione: secondo la leggenda, costituiva il luogo di espiazione dai peccati.
  • Chiesa di Santa Giusta
  • Chiesetta di San Bartolomeo
  • Chiesa di Sant’Isidoro
Cibi e prodotti tipici di Perinaldo:
  • Carciofo provenzale di Perinaldo
  • Olio extra vergine
  • Olive taggiasche
  • Uva e vini locali (come il Rossese)
  • Meesana
  • Coniglio alla ligure
  • Stocafisso con olive taggiasche

Rileggiamo le parole dell’assessore di Perinaldo, Alberto Passerone.

«Una delle caratteristiche di questo borgo è che geograficamente è in posizione privilegiata, in cima a una valle che si affaccia verso sud e nord. Siamo tra due piccoli torrenti, il Verbone e il Merdanzo, che deve il suo nome da degli odori sgradevoli che venivano emanati da quel punto. C’è una storia di dominazioni e occupazioni, guerre, e la passata di Napoleone. Alla fine del Settecento, scelse Perinaldo perché decise di farne il capoluogo di una sua dominazione.»

«Perinaldo è patria di Giandomenico Cassini, che poi studiò a Genova e Bologna, dove acquisì la sua fama e fece la meridiana di San Petronio, poi andò a Parigi per ordine del Re Sole dove costruì e diresse l’osservatorio. Ci fu addirittura una sonda intitolata a Cassini. Nel santuario di Nostra Signora c’è una meridiana che ricorda quella di San Petronio a Bologna: è teatro di visite guidate negli equinozi e solstizi. Passa un meridiano di lì, alle 7.40, detto meridiano Cassini. Abbiamo l’unico osservatorio di quella zona della Liguria, intitolato proprio a lui.»

«La nostra architettura è unica, con delle gallerie in pietra che separano le case, i cosiddetti cubi. E poi abbiamo un prestigio dello slow food che è il carciofo. In questi giorni c’è un festival musicale meraviglioso, passate di qui!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

È in arrivo un clamoroso duetto tra Elton John e Britney Spears? I loro post sui social sembrano aprire le porte a questa possibilità.
In una recente intervista, Morgan ha parlato della sua musica, di Amadeus e di Sanremo, tornando anche sulla celebre lite con Bugo.