Lauria, borgo lucano in provincia di Potenza

Oggi ci troviamo in provincia di Potenza, a Lauria, uno splendido comune della Basilicata. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.
ph di Guidos24 (Wikipedia)

In questo appuntamento di “Saluti da Kiss Kiss“, rubrica in onda dal lunedì al sabato su Radio Kiss Kiss, facciamo tappa a Lauria, caratteristico borgo della Basilicata in provincia di Potenza. Parte del suo territorio si trova Parco Nazionale dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese e confina con la provincia di Cosenza.

Ma scopriamo meglio questo incantevole comune!

Cosa vedere e cosa fare a Lauria?

  • Chiesa di San Nicola di Bari: si tratta della chiesa madre del rione superiore e non si hanno notizie certe sull’anno di fondazione. Il suo campanile fu edificato sul preesistente torrione medievale. Al suo interno la tomba del Beato Domenico Lentini.
  • Chiesa di San Giacomo: si tratta della chiesa parrocchiale del rione inferiore. In origine intitolata a San Matteo, prese questo nome nella seconda metà del XV secolo. È nota per un pregevole coro ligneo e per tele che rappresentano la Via Crucis risalenti al ‘700.
  • Santuario sulla Rocca o Santuario della Madonna delle Armi: si trova sulla rocca che si affaccia sulla Valle del fiume Noce. Non esiste datazione precisa circa la costruzione dell’originaria Chiesa devastata durante l’incendio del 1806. All’interno, sull’altare maggiore, è collocato un dipinto su tela raffigurante la Madonna Assunta, risalente al XIX secolo.
  • Castello “Ruggero” dal nome del celebre ammiraglio d’Aragona. La sua costruzione risale al XIII secolo. I resti della struttura non consentono una puntuale ricostruzione del complesso che, però, doveva essere ampio.
  • Attività all’aria aperta: per gli amanti della natura, il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val D’Agri Lagonegrese e il Parco Nazionale del Pollino sono l’ideale per il trekking e per escursioni, trekking e passeggiate in bicicletta.
  • Monte Sirino: innevato molti mesi all’anno, è l’ideale per chi pratica sci di fondo, sci alpino ed escursioni con racchette da neve. Da vedere anche i vicini laghi della Rotonda e del Cogliandrino, mentre sul fiume Noce è possibile praticare il rafting, fare giri in kayak e canoa.

Cosa mangiare a Lauria?

  • Ravioli ripieni di ricotta
  • Tagliatelle (làgane) con ceci o fagioli
  • Polenta con salsa di pomodoro
  • Salumi, come le salsicce e i salami
  • Formaggi e ricotte fresche o stagionate
  • Focaccia bianca o ricoperta di salsa al pomodoro
  • Taralli ad 8

Ecco alcuni ristoranti da provare!

  • Taverna del Buongustaio
  • La Cantinetta di Dompé
  • Agua Loca

A Radio Kiss Kiss è intervenuto Gianni Pittella, sindaco di Lauria:

«Iniziamo la visita da Castello Ruggero. Dopo aver fatto una bella scalinata, si può ammirare un panorama paradisiaco, insieme al castello e alla chiesa. Proseguendo, nel quartiere Cafaro si può visitare la casa del Beato Domenico Lentini, il nostro Santo. Da vedere il rione superiore e quello inferiore, ricchi di monumenti, di palazzi e di chiese. Inoltre, Lauria si estende su un territorio vastissimo, al cui interno è presente il Monte Sirino, innevato molti mesi all’anno e meta di tanti turisti. Anche in estate offre un’ampia sentieristica. Presente anche una ciclovia, condivisa con altri comuni del territorio, lunga 35-40 chilometri, che permette di godere di un’aria pulita, panorami bellissimi e un verde incontaminato. Il nostro comune, inoltre, si trova a 20 minuti da Maratea, la dea del mare, a 20 minuti dal Pollino, il più grande parco d’Europa, e a 20 minuti dalle Terme di Latronico, ideali per la salute. Presenti anche due gioielli: il Lago della Rotonda e Lago del Cogliandrino. Tra i piatti tipici non può mancare la pasta fatta in casa, da condire con il peperoncino di Senise o con fagioli, ceci. Poi ci sono i salumi e tutta la nostra produzione è locale.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.