I comuni dell’Isola d’Elba: saluti da Portoferraio

Continua lo speciale della nostra rubrica saluti da Kiss Kiss, che per sette giorni sarà interamente dedicata all’Isola d’Elba. Ogni giorno un sindaco diverso da una delle isole più belle e affascinanti del mondo. Quest’oggi abbiamo ascoltato Angelo Zini, sindaco del comune di Portoferraio.

Portoferraio sorge nella parte nord dell’Isola d’Elba e si sviluppa sul livello del mare. Con 11.801 abitanti, è per distacco il comune più popoloso dell’isola. Le frazioni interne al territorio sono sette: Bagnaia, Biodola, Magazzini, Montecristo, San Giovanni, Scaglieri e Viticcio.

Principali attrazioni e luoghi di interesse a Portoferraio
  • Ville napoleoniche: l’esilio di Napoleone Bonaparte fu tra il 1814 e il 1815. Scelse Portoferraio come capoluogo e fece edificare due ville per sé: la Palazzina dei Mulini e la Villa di San Martino.
  • Villa Bigeschi: del tardo XVIII secolo, prende nome dagli antichi proprietari, Bigeschi (Candido Bigeschi fu sindaco dell’Elba) e Della Serra.
  • Necropoli di Casa del Duca: scoperta nel 1872, è stata utilizzata dalla fine del V secolo a.C fino alla fine del II secolo a.C.
  • Villa romana delle grotte: edificata nel I secolo a.C., è un’antica domus romana posta sul promontorio che si affaccia sul golfo di Portoferraio.
  • Villa romana della Linguella: domus che chiude la darsena del paese, risale al I secolo a.C.
  • Forte Stella: fortificazione costruita in una posizione che domina Portoferraio. Il complesso fu realizzato nel 1548 per ordine della famiglia dei Medici.
  • Forte Falcone: eretto poco a ovest rispetto al Forte Stella, anche la sua edificazione risale agli stessi anni.
  • Parco Nazionale Arcipelago Toscano:
  • Propositura della Natività di Maria: edificio costruito prima del ‘600 e ristrutturato sia nel 1623 che lungo il XIX secolo. Possiede alcune opere preziose tra cui il dipinto Madonna del Rosario (1632)
  • Chiesa di San Cristino (o della Misericordia): custodisce le reliquie del santo a cui la chiesa è intitolata. Ha un affresco del 1765 che dà l’illusione ottica di una balaustra su cui si imposta un loggiato che termina in una falsa cupola.
  • Chiesa di Santo Stefano alle Trane: esempio di architettura romanica pisan, somiglia a parecchie chiese di Sardegna e Corsica. Si trova nella frazione di Magazzini.
  • Fortezza del Volterraio
  • Torre del Gallo
  • Torre della Linguella
  • Chiesa di San Marco alle Grotte
  • Cappella dell’Annunziata
  • Chiesa del Santissimo Sacramento
  • Chiesa di San Rocco
  • Grotta di San Mamiliano
  • Monastero di San Mamiliano
  • Faro di Portoferraio
Angelo Zini, sindaco di Portoferraio, ha consigliato a Max e Max il polpo lesso come piatto tipico della cittadina. Che altro ha raccontato? Ascolta qui l’intervista completa.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Su Radio Kiss Kiss, Alessandro Longo ha spiegato come l’UE raccomanda di procedere in caso di problemi dovuti all’Intelligenza Artificiale.
Il processo tra Johnny Depp e Amber Heard è diventato definitivamente un film: guarda qui il primo trailer ufficiale.