Gioi, comune campano in provincia di Salerno

Questa mattina, nella nostra rubrica saluti da Kiss Kiss, abbiamo parlato di Gioi, comune della Campania, guidati dalle parole della sindaca Maria Teresa Scarpa.

Gioi sorge nella parte centrale della provincia di Salerno, nel cuore del parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, non molto distante dal confine tra Campania e Basilicata. Il borgo è posto su un’altura che si trova a 685 metri sopra il livello del mare. Il comune conta poco più di 1.200 abitanti e comprende una frazione chiamata Cardile.

Luoghi di interesse e attività a Gioi
  • Visita nelle zone naturalistiche del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. L’altezza a quasi 700 metri sul livello del mare offre una panoramica strepitosa di tutta la zona.
  • Cappella della Madonna del Carmine: si trova a Cardile, ed è sicuramente esistente almeno dal Settecento. La cappella versava in pessime condizioni, che hanno portato alla necessità dei lavori di restauro finiti nel 2004. Al suo interno è conservata una statua lignea della Madonna con Bambino.
  • Cappella San Rocco: anche questa si trova a Cardile.
  • Cappella della Madonna della Porta: è il luogo di culto più antico presente nel territorio comunale. Al suo interno è possibile osservare un pregiato affresco risalente al Dodicesimo secolo.
  • Cappella San Salvatore
  • Convento di San Francesco
  • Chiesa di Sant’Eustachio
  • Chiesa di San Giovanni Battista
  • Chiesa di San Nicola
  • Palazzo Reielli
  • Ruderi del castello
  • Palazzo Salati
  • Palazzo Conti
  • Palazzo De Marco
  • Porta dei Leoni
  • Porta Nova
Piatti e prodotti tipici di Gioi
  • Soppressata tradizionale: prodotto principale del comune, con una fettuccia di lardo posta al centro e l’uso di carne magra stagionata almeno 40 giorni.
  • Fusillo di Gioi
  • Caciocavallo
  • Mozzarella di bufala cilentana
  • Vini locali

Ascolta qui l’intervista di Max e Max a Maria Teresa Scarpa, sindaca del comune di Gioi.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dallo scorso 1° luglio si è ufficialmente conclusa l’era del mercato tutelato per passare al mercato libero che sarà l’unica modalità di fornitura energetica