Coreglia Antelminelli, borgo toscano in provincia di Lucca

Oggi ci troviamo in provincia di Lucca, a Coreglia Antelminelli, un borgo della Toscana. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.

In questo appuntamento di “Saluti da Kiss Kiss“, rubrica in onda dal lunedì al sabato su Radio Kiss Kiss, facciamo tappa a Coreglia Antelminelli, caratteristico borgo della Toscana in provincia di Lucca. Si trova nella Media Valle del Serchio, nella parte nord-orientale della provincia di Lucca, tra le Alpi Apuane e l’Appennino tosco-emiliano.

Ma scopriamo meglio questo incantevole comune!

Perché si chiama così?

In principio il nome del borgo era solo Coreglia, che deriva dal latino “Corrilia” e significa “terra di scorrimento, luogo da cui si passa”. Con la nascita dello Stato italiano, per distinguere il comune dall’omonimo ligure, fu aggiunto il nome Antelminelli nel 1862. Antelminelli è il nome di una nota famiglia nobiliare della Lucchesia.

Cosa vedere a Coreglia Antelminelli?

  • Chiesa di San Martino: preromanica, situata nella frazione di Ghivizzano, è tra le più antiche della Lucchesia. Eretta nel IX secolo, è stata ampliata nel X secolo con le arcate interne, i sostegni, i capitelli e l’abside. Successivamente la chiesa ha subito altri rifacimenti cinque-seicenteschi. Il campanile, eretto tra il 1847 e il 1856, sostituì quello del 1300.
  • Chiesa di San Michele Arcangelo: venne costruita nell’anno Mille a ridosso della fortezza, probabilmente sui ruderi del vecchio castello. La torre, infatti, venne trasformata in campanile. All’interno da vedere un crocifisso ligneo del ‘400 e una coppia di statue di marmo raffiguranti la Madonna e l’Angelo Annunziante.
  • La Rocca: posta in posizione dominante rispetto all’abitato. Nel Medioevo, la sua posizione strategica, permetteva di collegarsi visivamente ai castelli di Brancoli e Motrone. Si trattava della costruzione difensiva sorta intorno all’attuale chiesa di San Michele. Il nuovo castello venne eretto più in alto nel XIII secolo.
  • Castello di Ghivizzano: fondato intorno all’anno Mille, si trova su una collina poco distante dal fondovalle. L’attuale struttura risale al XIV secolo. Di proprietà del comune, oggi è un’abitazione privata.

Cosa fare a Coreglia Antelminelli?

  • Passeggiare per le vie del borgo per ammirare i magnifici palazzi storici. Tra questi ci sono: il Palazzo del Comune costruito nel 1572; i palazzi Antonimi e Vincenti, in quest’ultimo è nato Benedetto Puccinelli, uno dei maggiori botanici italiani del primo Ottocento; Palazzo Vanni, in cui è presente il Museo della figurina di gesso e dell’emigrazione.
  • Museo della figurina di gesso e dell’emigrazione: creare statuine è un’arte sviluppatasi a Coreglia tra il XVI e il XVII secolo. Nel 1883, il barone e figurinaio Carlo Vanni istituì nel suo palazzo di Coreglia una scuola per istruire i giovani al mestiere. Quando nel 1915 si trasferì a Vienna, lasciò l’edificio in dote al Comune, che nel 1975 ne istituì il museo.
  • Escursioni in montagna, trekking, mountain bike nella Media Valle del Serchio. Vedere il Lago Santo Modenese o di seguire il percorso Coreglia – Piastroso – Piazzan – Bernardi – Bacchionero.
  • Festa Medievale: si tiene nel primo sabato del mese di agosto. Vengono ricreate le atmosfere dell’antica Vicaria, con musica, persone che indossano i costumi dell’epoca e l’intrattenimento è offerto da balestrieri e sbandieratori.

Cosa mangiare a Coreglia Antelminelli?

  • Piatti a base di castagne, funghi e piccoli frutti del bosco
  • Borghe, castagne secche bollite nel latte e servite calde con l’aggiunta di panna e zucchero
  • Polenta di neccio cucinata con la farina di castagne
  • Secondi a base di trota “fario” e carne bovina della Garfagnana e Valle del Serchio

I ristoranti suggeriti da TripAdvisor!

  • Ristorante L’Arcile
  • Ristorante Il Grillo
  • Ristorante Amora

In Good Morning Kiss Kiss è intervenuto il sindaco di Coreglia Antelminelli, Marco Remaschi:

«Iniziamo la visita dalla Porta di San Michele che introduce alla chiesa parrocchiale e alla sede municipale del capoluogo. Coreglia si trova a 600 metri sopra il livello del mare, sotto l’Appennino tosco-emiliano, al momento ricoperto di neve ed è uno spettacolo fantastico. Davanti a noi ci sono le Alpi Apuane. Oltre alla visita alle chiese di San Martino e di San Michele Arcangelo, si può andare a visitare altri altri borghi montani del nostro territorio, che racchiudono paesaggi, storia, cultura. Mi riferisco alle frazioni di Tereglio, Vitiana, Lucignana, e a tutte le frazioni del fondovalle. Ghivizzano è come un fortino con all’interno la Torre di Castruccio Castracani; ad oggi è stata completamente recuperata e ristrutturata. A Coreglia, poi, c’è il Museo della figurina di gesso e dell’emigrazione e la Buca delle Fate, che vogliamo riattivare. Per quanto riguarda i piatti tipici, molti di essi sono legati alla tradizione della castagna. Antiche generazioni coltivavano il bosco, e la castagna era uno dei motivi del vivere. Inoltre, abbiamo produzioni di miele molto importanti.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo la notizia che i membri dei BTS si prenderanno una pausa, J-Hope annuncia l’uscita del suo album “Jack in the Box”.
Tumori della pelle non melanoma. Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Paola Queirolo nel nuovo appuntamento con il network editoriale PreSa.