Calvi dell’Umbria, Comune umbro in provincia di Terni

Oggi in Good Morning Kiss Kiss abbiamo avuto in diretta con noi Vincenzo Mazzucconi, presidente degli sbandieratori di Calvi dell’Umbria, città della provincia di Terni.

Calvi dell’Umbria è un piccolo borgo umbro che si trova a ridosso di uno sperone di rocca calcarea che emerge dalle pendici del Monte San Pancrazio. L’altura domina una distesa di colline tappezzate di viti e ulivi declinanti verso la Valle del Tevere.

Il paese sarebbe stato popolato in seguito alla distruzione dell’antica città romana Ocria e la fuga dei suoi abitanti sui rilievi di questa zona. Il toponimo dovrebbe provenire da “carbium” e si riferiva alla conformazione del territorio roccioso e privo di vegetazione, appunto “calvo”.

In età romana non esisteva un vero e proprio villaggio, ma di certo sulle sue colline erano presenti ville rustiche. Invece sulla vetta di Monte San Pancrazio sono ancora presenti i resti di un tempio intitolato a Marte vicino ad una chiesa.

Del centro urbano di Calvi dell’Umbria si ha notizia soltanto a partire dall’VIII secolo, quando la città era feudo dei duchi di Spoleto. Dal XII secolo passerà sotto il controllo della Chiesa e della vicina Narni. La località sarà saccheggiata nel 1798 poiché teatro degli scontri tra napoletani e francesi e fino al 1860 sarà libero comune dello Stato Pontificio.

Oggi il centro storico è composto da un castello e dalle antiche case del borgo e si sviluppa in una serie di vicoli medievali che si snodano tra volte, archi e resti di torri e mura. L’accesso al paese è segnalato da Porta Ternana, anche nota come Porta da Capo, la quale è stata ristrutturata alla fine del Cinquecento ed oggi presenta un portale in bugnato di travertino.

Calvi dell’Umbria è conosciuta anche come la città dei presepi in quanto all’interno dell’Oratorio di Sant’Antonio è collocato un presepe monumentale realizzato nel 1546 dai fratelli Montereale e composto da trenta statue.

Luoghi d’interesse di Calvi dell’Umbria

  • Chiesa della Trinità: edificio risalente al XVI secolo che si sviluppa su più livelli lungo il costone roccioso
  • Chiesa di S. Maria Assunta: situata nei pressi di Porta Ternana, la sua edificazione risale al XIII secolo, mentre l’aspetto attuale è stato conferito dai lavori eseguiti nel XVII secolo
  • Chiesa di S. Brigida: realizzata tra il 1739 e il 1743 su progetto di Ferdinando Fuga, presenta tre altari e un’unica navata coperta da una volta lunettata
  • Monastero delle Suore Orsoline: ospitato all’interno di Palazzi Ferrini, il monastero è stato istituito nel 1715 ed è stato abitato dalle suore fino al 1991
  • Museo del Monastero delle Orsoline: si tratta di una pinacoteca al piano terra di Palazzo Ferrini dove si possono ammirare opere artistiche provenienti dal territorio comunale

Piatti e prodotti tipici di Calvi dell’Umbria

Il piatto tipico di Calvi dell’Umbria sono gli strozzapreti con funghi e salsiccia. Si tratta di una tipologia di pasta casereccia fatta a mano soltanto con acqua e farina, diffuso tra Lazio e Umbria. Come condimento prevede un sugo con funghi porcini e champignon e un ragù di salsiccia locale.

Uno dei prodotti più rinomati della zona è il tartufo bianco, con il quale si preparano diverse pietanze, tra cui l’agnello al forno con tartufo bianco, la frittata al tartufo e crostini al tartufo. Non mancano poi prosciutti e salumi vari, così come formaggi a pasta dura.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare