Hangover: come superare i postumi dei bagordi delle feste

Dopo i grandi festeggiamenti di questi giorni, è probabile che un abuso di alcool ci faccia svegliare con l'hangover. Come affrontarlo.

Questa mattina, in Good Morning Kiss Kiss, abbiamo parlato dei rimedi contro l'hangover con la dottoressa Roberta Villa.

Buongiorno dottoressa, bentornata! Hangover, bagordi, postumi della sbornia. Chi ha esagerato come può rimediare?

«Buongiorno e buon anno a tutte e tutti! Alla fine l'unica vera cura è l'acqua. Bere tanta acqua, prendersi un po' di tempo. Però, speriamo che ormai almeno gli eccessi dell'alcool al due gennaio siano smaltiti. Però il rimedio più efficace è sempre quello.»

L'acqua come depurativo.

«Sì. Attenzione a tutte le offerte di trattamenti detox, che siano tisane, che siano farmaci, diete. Non esistono trattamenti detox.»

Bisogna solo chiudere i bicchieri e via.

«Esatto.»

Abbiamo anche parlato dei famosi rimedi della nonna, quelli leggendari. Te li enuncio uno a uno e se vuoi me li sfati uno a uno. Ad esempio, il cosiddetto canarino, l'acqua bollente con limone e a volte con lo zucchero.

«Questo secondo me funziona, non vorrei essere smentita dai colleghi medici. Perché comunque aiuta: c'è innanzitutto l'acqua, poi è una bevanda calda che aiuta a digerire, c'è l'acido che favorisce la digestione a livello dello stomaco. Io dico sì.»

Il prossimo: colazione con zenzero e limone.

«Allora, lo zenzero è un efficacissimo antinausea e antivomito. Viene anche consigliato insieme ad altri farmaci a chi fa la chemioterapia. Ma che bravi i vostri ascoltatori!»

Ce n'è un altro che è eclatante: pranzare con una zuppa alla menta. Questa non l'avevo mai sentita.

«Mai sentito. Però certamente prendere una zuppa di verdure, quindi vegetali e liquidi, sicuramente fa bene in questo momento.»

Qualcuno addirittura consiglia di berci su altro alcool.

«Questa me la ricordo fin da ragazza. Dicevano "la peggior cosa è smettere di colpo, bisogna farlo gradualmente". Ma non va bene. C'è una bellissima iniziativa che all'estero è molto gettonata che si chiama "Dry January", cioè gennaio a secco. Cioè sospendere almeno a gennaio il consumo di alcool per abituarsi un pochino a ridurne l'uso.»

Abbiamo scoperto che lo Champagne può fare più danni dei botti. Ma è vera questa cosa?

«No, allora, più danni dei botti non direi. Anche quest'anno abbiamo avuto il nostro bel bilancio terrificante, e su questo non riesco a capire proprio. Però è vero che BMJ, la rivista dei medici britannici, ha pubblicato questo articolo ricordando come anche la stappatura gioiosa dello champagne o dello spumante provocano a volte dei danni. Perché questi tappi viaggiano a una velocità di 80 chilometri all'ora e arrivano a 13 metri di distanza, perciò si raccomandano una serie di consigli.»

Grazie Roberta per essere stata con noi!

«Kiss Kiss a tutti!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Irama Official Group si aggiudica la prima edizione di Fan Games. È Irama, quindi, l’artista di Sanremo con la fan base più attiva.
Dal 7 al 9 marzo all’università Bocconi di Milano si terrà l’edizione 2024 del Festival del Management. Scopriamo i temi.