Covid, registrato un aumento dei casi, le Regioni propense a open day vaccinali

In Italia nell’ultimo mese, stando a quanto segnalato dal monitoraggio della fondazione Gimbe, i numeri del Covid sono in forte rialzo. Tra metà novembre e l'inizio di dicembre, infatti, i contagi sono passati da 26.855 a 52.175 (+94,3%), il tasso di positività dei tamponi è salito dal 13,6 al 18,8%, mentre l'incidenza settimanale per centomila abitanti -da 46 casi- ha raggiunto quota 89 casi. “Rispetto all'effettiva circolazione virale -sottolinea il presidente Gimbe, Nino Cartabellotta- il numero dei contagi è largamente sottostimato”. L'incidenza aumenta progressivamente con le decadi: da 16 casi per centomila abitanti nella fascia 10-19 anni a 177 nella fascia 80-89 anni, fino a 221 negli over 90. “Una distribuzione -spiega ancora Cartabellotta- che riflette, con l'aumentare dell'età, una maggiore attitudine al testing”. Crescono anche i ricoveri in area medica (+58,1%) e raddoppiano i decessi, quasi novecento nell’ultimo mese e tutti over 80.

Nei giorni scorsi, la direzione generale prevenzione del ministero della Salute ha convocato una cabina di regia dedicata alle campagne vaccinali di Covid e influenza stagionale, alla quale hanno partecipato i rappresentanti degli enti locali. Il direttore Francesco Vaia ha assicurato che le Regioni si sono impegnate a potenziare tutte le azioni necessarie per implementare la vaccinazione di prossimità -eventualmente anche tramite Open Day vaccinali- e ponendo i medici di medicina generale, farmacie e gli altri setting assistenziali nelle condizioni di aumentare la propria offerta. “Siamo soddisfatti per la partecipazione delle Regioni e l’unanime adesione a questo appello -dice Vaia - e anche per la loro manifesta volontà di mettere uniformemente in campo ogni iniziativa per far sì che i cittadini italiani si sentano tutelati e accolti dal Servizio sanitario nazionale”.

Vaccinarsi non è obbligatorio, ma un fatto di responsabilità individuale: “Ormai abbiamo capito che la somministrazione del vaccino -conclude Vaia- non dà certezza di non contagiarsi, ma aumenta le possibilità di non avere la malattia grave e questa è una cosa importante”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Liam Gallagher ha affermato che l’iniziativa per il ritorno sui palchi degli Oasis dovrebbe prenderla fratello Noel.
Nel Regno Unito, Mary Poppins è passato dall’essere un film per tutti a essere un film per bambini dai dodici anni in su.