“Riapertura discoteche? Nessun ristoro compenserà mai un anno e mezzo di chiusura”

Quali novità all’orizzonte? Come potranno affrontare l’estate? Ci saranno nuovi ristori?
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato di discoteche e riaperture.

Quali novità all’orizzonte? Come potranno affrontare l’estate? Ci saranno nuovi ristori?

Ne abbiamo parlato con Filippo Grassi, responsabile del comparto discoteche di FIEPET Confesercenti:

“Abbiamo mandato una lettera al CTS in questi giorni per capire come gestire le riaperture in arrivo. I burocrati di Roma non conoscono il mondo della notte e del divertimento dei ragazzi, siamo martoriati da un anno e mezzo di chiusura. La speranza è che con le vaccinazioni si riparta. Non ci sarà mai una soluzione economica che compensi realmente le perdite. La cosa fondamentale è ripartire e farlo in sicurezza, chi ha grande capienza è sicuramente agevolato. Locali da 400-500 persone sono destinati a non riaprire più perché con gli ingressi ridotti non è sostenibile. Speriamo che non si duri appena un mese e mezzo come l’anno scorso! Esperimenti in Europa con le discoteche? Li abbiamo fatti anche noi, avete visto i festeggiamenti a Milano per lo Scudetto dell’Inter? Perché un settore deve essere normato in maniera così precisa quando poi se il vaccino fa il suo corso si può allentare un po’ la presa…”

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Tre anni fa sono atterrati a Sanremo come degli alieni poi con “Una vita in vacanza” non solo sono arrivati secondi ma hanno conquistato il premio della sala stampa Lucio Dalla, il pezzo diventa il vero tormentone fino all’estate successiva al Festival della Canzone Italiana.
Nell’ultimo appuntamento con Due Kiss a distanza è venuto a trovarci Michele Bravi!