Regno Unito, presto il divieto di bollire vive aragoste, polpi e calamari

Dopo Nuova Zelanda, Svizzera e Norvegia anche la Gran Bretagna è pronta ad una misura di civiltà e rispetto diventata ormai necessaria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Anche le aragoste, i polpi e i calamari provano dolore.

Gli studi scientifici recenti dimostrano che tutti questi animali provano le stesse sensazioni e le stesse sofferenze di noi esseri umani. Evidenze, quest’ultime, che hanno riacceso il dibattito su alcuni crudeli pratiche estremamente comuni nelle cucine di tantissimi paesi del mondo.

Nell’occhio del ciclone, in particolare, quella di bollire vive le aragoste ed altri molluschi marini. Questa tradizione, radicatissima in molti stati, è tra le più violente e terribili esistenti.

Nel Regno Unito si prova così a porre un freno a questa crudeltà con un disegno di legge che riconoscerà il diritto di queste specie ad una morte dignitosa al pari di tutti gli altri. Dopo Nuova Zelanda, Svizzera e Norvegia anche la Gran Bretagna è pronta ad una misura di civiltà e rispetto diventata ormai necessaria.

In Italia, al momento, non esiste alcuna normativa di riferimento. Sarebbe ora di cominciare a pensarci anche noi…

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

“Ora” è una canzone d’amore, . Un pop contemporaneo dedicato a quella fase in cui non si riesce a superare la fine di una storia e chi viene dopo si prende la parte peggiore di noi (“avevo il cuore malato”, “l’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore”).