Oggi si celebra il Mar Mediterraneo, la culla della nostra civiltà

Ha conosciuto tragedie e regalato opportunità, sostenuto la vita e ispirato meraviglie. Il Mar Mediterraneo è, da sempre, la culla della nostra civiltà.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

E’ stato il teatro principale della storia che conosciamo.

Ha conosciuto tragedie e regalato opportunità, sostenuto la vita e ispirato meraviglie. Il Mar Mediterraneo è, da sempre, la culla della nostra civiltà.

L’abbraccio materno, la coperta sulle nostre fugaci e ingombranti esistenze. Oggi 8 luglio si celebra la sua giornata.

L’occasione per sederci comodi su uno scoglio ad osservarlo. Immenso, ma raccolto. Custode soltanto dell’1% della massa complessiva degli oceani ma accogliente dimora di oltre il 12% delle specie marine.

Uno scrigno preziosissimo di passato, presente e futuro la cui esistenza è minacciata dal nostro egoismo.

Mar Mediterraneo

Pesca massiva, disastri ambientali e sversamenti di plastiche lo stanno lentamente erodendo. E’ una casa che si sgretola pezzo dopo pezzo mentre noi – tutt’intorno – inseguiamo orizzonti lontani.

E allora, almeno oggi, prendiamoci un minuto. Uno soltanto, per osservarlo e celebrarlo. Per sentirlo scorrere dentro di noi. Come fa dalla notte dei tempi.

Fiero, materno, comprensivo. Senza di lui non esisteremmo e – almeno oggi – faremmo bene a ricordarlo.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Come avvicinare i giovani ai poli museali? Quali strategie per valorizzarli?
In Giappone una confezione da 15 ciliegie della qualità Aomori Heartbeat è stata venduta per la cifra monstre di 450mila yen, circa 3.400 euro.