Nuovo codice delle comunicazioni elettroniche: cosa cambia per i consumatori

Il direttore di agendadigitale.eu, Alessandro Longo, ci ha parlato del nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato di Green pass e del nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche.

Il direttore di agendadigitale.eu, Alessandro Longo, ci ha aggiornato sulla situazione.

«Stanno migliorano i problemi spesso legati ai sistemi informatici delle regioni e alla comunicazione tra loro. Per quanto riguarda l’estensione del Green pass ad altre professioni il Governo ci sta andando con i piedi di piombo e, se si allargheranno i numeri, potrebbero esserci dei problemi.»
«L’Italia, un po’ in ritardo, sta adottando le direttive europee che cambiano il Codice delle comunicazioni elettroniche, imponendo nuovi doveri agli operatori e nuovi diritti agli utenti. Quando sarà attivo, il nuovo Codice delle comunicazioni ridurrà a 12 mesi il contratto, quindi anche le rate dei dispositivi (modem, cellulare, ecc.). Da un certo punto di vista è un vantaggio per il consumatore, perché, durando di meno i contratti ci sarà più concorrenza, ma ciò significherà che le rate mensili potranno essere più elevate. Inoltre, con il nuovo Codice si stabilisce il diritto di avere la banda larga come servizio universale a prezzi accessibili. Al momento non ci sono ancora tempi stabiliti, ma entro fine anno dovremmo avere il decreto definitivo.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Tamberi e Jacobs sono gli idoli anche delle stelle della musica, basta fare un giro sugli account degli artisti per capire l’entusiasmo delle rockstar di casa nostra che hanno esultato, come tutti noi, per le gesta di Gianmarco e Marcell.