Pusha T, rimandato il tour europeo al 2023

Il rapper di New York, Pusha T ha dovuto rimandare il proprio "It's Almost Dry Tour" al 2023 per ragioni di produzione.

Classe 1977 – Terrence Thornton, da tutti conosciuto come Pusha T o King Push sui social, nelle scorse ore ha annunciato che le date dei concerti previste per le prossime settimane verranno posticipate all’anno prossimo per «problemi di produzione».

Un po’ di amaro sconforto per i fan del rapper di New York che non aspettavano altro che assistere ad una sua performance live che – a quanto pare – non vedrà la luce prima del 2023, Pusha T infatti  ha dichiarato che il suo It’s Almost Dry Tour nel Regno Unito ed in Europa previsto per le prossime settimane sarà rimandato all’anno prossimo e le date sono ancora da definire. Secondo quanto riportato da Live Nation Italia, inoltre, promoter dello show inizialmente programmato per il 2 dicembre al Fabrique di Milano, i biglietti già acquistati saranno validi per la nuova data.

«Il tour di Pusha T è rimandato al 2023 a causa di problemi di produzione. Vogliamo portarvi il miglior show possibile. Conservate i vostri biglietti per le date future» – ha comunicato il promoter irlandese dell’artista MCD Production su Twitter. Insomma, un annuncio che ha lasciato tutti i milioni di fan a bocca aperta ed a pochissimi giorni dalla partenza della tournée, prevista per il 30 novembre a Zurigo. Basti pensare, infatti, che l’ultima volta che il rapper è stato in Italia risale al 2018, in occasione del tour DAYTONA, prodotto interamente dal grande Kanye West.

Originario del Bronx ma cresciuto a Norfolk in Virginia, il rapper statunitense ne ha fatta di strada, arrivando a collaborare con artisti dal calibro di Pixie LottTyler, the CreatorKanye WestFutureRick Ross ed ancora Chris Brown, Kelly RowlandKendrick Lamar. E poche settimane fa, inoltre, proprio il suo ultimo progetto discografico It’s Almost Dry ha ricevuto una nomination ai Grammy del 2023 nella categoria Best Rap Album. “To be Grammy nominated hits a little different when you are unapologetically you… We don’t beg anyone. We walk and talk the same regardless of the company or room we are walking in…Some of the people in this post are Grammy winners, some not. The one thing we all have in common is that we are the realest version of ourselves and we made you love it. Thank you @recordingacademy voters for this nomination…” – ha confessato l’artista, ovvero: “Essere nominati ai Grammy colpisce in modo un po’ diverso quando sei impenitentemente tu… Non preghiamo nessuno. Camminiamo e parliamo allo stesso modo indipendentemente dalla compagnia o dalla stanza in cui stiamo camminando… Alcune delle persone in questo post sono vincitrici di Grammy, altre no. L’unica cosa che abbiamo tutti in comune è che siamo la versione più reale di noi stessi e te l’abbiamo fatto amare. Grazie agli elettori di @recordingacademy per questa nomination…”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Su Radio Kiss Kiss, abbiamo scoperto le meraviglie di Bagnoregio, guidati dalle parole del Sindaco Luca Profili.
A tre anni dalla Brexit, i cittadini del Regno Unito non sono per nulla soddisfatti delle conseguenze. Ne parla Giampiero Gramaglia.