Musica, Tony Hadley operato dopo la caduta, saltano gli altri concerti in Italia

Non è stato il primo e non sarà neppure l’ultimo a cantare su di uno sgabello o con il gesso, ma almeno gli altri avevano avuto il tempo di metabolizzare l’incidente. Invece a Tony Hadley è successo proprio nell’imminenza del concerto di martedì a Palmi (RC) dove il 63enne cantante inglese ha ricevuto il Riccio d’Argento alla rassegna “Fatti di Musica” di Ruggero Pegna.

Poco prima dell’esibizione di Ferragosto in piazza I Maggio per la popolare festa della Varia, l’ex leader degli Spandau Ballet è scivolato nel camerino, sbattendo il ginocchio. Subito soccorso, non ha pensato neppure per un istante di rinunciare allo spettacolo: nonostante il dolore è salito sul palco con la gamba fasciata e un vistoso tutore, il che non gli ha impedito di conquistare i circa 20mila spettatori giunti ad ascoltarlo da tutta la Calabria.

L’artista londinese (rilanciato nel 2011 da Caparezza con il duetto nel singolo “Goodbye Malinconia” e poi anche coach di un talent su Raiuno nel 2014) ha snocciolato i successi dell’epoca (True, Gold, Through The Barricades) e molti altri brani che hanno svettato in classifica negli anni ’80, dimenticando forse per un attimo, trascinato dall’entusiasmo del pubblico, di essersi fratturato una rotula. Gli accertamenti all’ospedale di Lamezia Terme hanno confermato anche la rottura di un legamento. Dopo l’operazione, Hadley ripartirà direttamente per l’Inghilterra saltando gli altri concerti in programma, il primo dei quali era a Campitello Matese nell’ambito del festival “Montagna Molise”.

Questo il messaggio postato dello stesso Hadley sulla sua pagina Facebook: “Ciao a tutti. Forse saprete che ho avuto un piccolo incidente e mi sono infortunato al ginocchio. Vengo curato molto bene dai medici qui in Italia e volevo ringraziare tutti per le gentili parole di supporto. Vi terrò aggiornati sulla mia guarigione”.

Foto: Fb Città di Palmi

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

A proposito del consumo di insetti, Singapore ha da poco approvato ben 16 specie diverse che saranno commestibili in differenti fasi della loro vita. E in Italia?