Musica, Mick Jagger compie 80 anni e festeggia con un nuovo album

Ottant’anni e non sentirli. Per informazioni chiedere a sir Michael Philip Jagger, per tutti Mick. Il leggendario frontman dei Rolling Stones li compie oggi -26 luglio- e di scendere dal palco sembra proprio non abbia voglia. Glielo consente una vita certamente meno sregolata di quella di un tempo, fondata oggi su di una dieta ferrea, tanta ginnastica, meditazione e relax quanto basta (anche nella sua casa di Noto in Sicilia), cui aggiungere una birretta ogni tanto. Quindi, nonostante il tour americano previsto in estate sia prima slittato in autunno e poi saltato, il ritiro dalle scene non pare all’orizzonte. Anzi, sembra che proprio in questi giorni sarà annunciata finalmente l’uscita dell’atteso nuovo album degli Stones, il primo di inediti da quasi vent’anni.

Da mesi filtrano indiscrezioni sul disco, che -ormai è noto- sarà un tributo a Charlie Watts, il batterista scomparso nell’agosto 2021 e che ha fatto in tempo a registrare parti che saranno incluse nella nuovo lavoro. Certi anche il ritorno di Bill Wyman, che dopo trent’anni torna a suonare il basso su di un brano della band, e il cameo di Paul McCartney.

Quanto al compleanno, Jagger sarebbe intenzionato a celebrarlo rinverdendo i fasti degli anni settanta che ne avevano fatto una icona del “bel mondo” tanto quanto delle scena musicale. Il Sun riferisce che Mick avrebbe affittato l’intero Chelsea Physic Garden, uno dei giardini botanici più antichi della Gran Bretagna, per una grande festa con l’attuale compagna Melanie Hamrick. In un listone di circa trecento invitati, amici e celebrities, oltre ad una famiglia allargata che contempla otto figli (Deveraux, l’ultimo, nato a dicembre 2016), cinque nipoti e un bisnipote. Ma guai a chiamarlo nonno Mick, potrebbe prendersela a male.

Foto: Rockol

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Anche quest’anno il Ministero della Cultura – Direzione Generale Musei e Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio ha aderito alle Giornate Europee dell’Archeologia