Mariah Carey accusata di plagio per “All I want for Christmas is you”

La cantante ed icona delle festività natalizie, Mariah Carey è stata accusata di plagio da Andy Stone per "All I want for Christmas is you".

Non sono poche al giorno d’oggi le accuse di plagio che vengono mosse nei confronti di coloro che fanno parte dell’industria musicale verso altri, e questa volta è toccato proprio alla regina del Natale, ovvero Mariah Carey. La voce di Huntington, infatti, è stata accusata di plagio dal compositore Andy Stone che ora le richiede 20 milioni di dollari di risarcimento, affermando di avere scritto lui All I Want For Christmas Is You nel 1989.

Cantautrice, attrice e produttrice discografica statunitense, popolare in tutto il mondo sin dagli anni novanta – con oltre 200 milioni di album venduti, è nel novero degli artisti di maggior successo nella storia della musica – la Carey conosciuta ai più per il suo brano natalizio più celebre è stata denunciata per violazione del diritto d’autore.

Ma scopriamo meglio perché

Secondo quanto riportato dal compositore e musicista Andy Stone, la hit natalizia dai record imbattibili fino ad ora della Carey – parliamo di “All I Want for Christmas Is You” – avrebbe violato il copyright del brano di Stone che porta il medesimo titolo, pubblicato però cinque anni prima. Inoltre, la denuncia è stata depositata nella giornata di venerdì presso un tribunale federale di New Orleans. La ragioni – e soprattutto la causa dell’accusa – non si basano difatti su una certa vero somiglianza tra le due canzoni (che hanno testi e sonorità completamente differenti), bensì sull’identicità del titolo. Ed il querelante ora, chiede 20 milioni di dollari per danni, che nell’atto giudiziario, cita sia Carey – come riporta la Bbc – sia il suo coautore Walter Afansieff. Stone, depositando l’atto presso l’Eastern District della Louisiana, infatti ha riferito d’aver scritto il pezzo nel 1989 e di non averne mai concesso l’uso. D’altronde l’album Merry Christmas, in cui la canzone era contenuta, fu pubblicato dalla Columbia Records il primo novembre 1994 ed ha venduto 15 milioni di copie.

E l’accusa, oltre ai profitti e ai guadagni, richiede i danni punitivi per la violazione del copyright che avrebbe assicurato vantaggi alla Carey. Circa la querelle si è espressa pure Pamela Koslyn, avvocato per i diritti di proprietà intellettuale, che ha dichiarato che i titoli delle canzoni non hanno diritto alla protezione del copyright e che inoltre, prima del 1989 sono usciti molti altri brani con il titolo “All I Want For Christmas Is You”. Facendone un rapido calcolo infatti, esistono in totale 177 canzoni con questo titolo, alcune pubblicate persino decenni prima rispetto al singolo del cantante del gruppo rock Vince Vance & the Valiants.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.