MadMan: il ritorno delle barre e delle saghe

MadMan, dopo un'assenza durata due anni, è tornato pubblicando un nuovo capitolo della Saga "MM", nel quale è contenuto un nuovo episodio di quella dei "Veleno".

I due anni di lockdown hanno negativamente impattato sulla produzione di MadMan, che contestualmente alla chiusura in casa, ha fatto seguire una chiusura artistica altrettanto forte, privando i fan di musica per tutta la durata dell’emergenza sanitaria.

Infatti, a differenza di molti colleghi, la doppia Emme non ha pubblicato alcun progetto, aspettando la ripresa (per quanto parziale) dell’industria dello spettacolo. 
Oltre a non aver pubblicato alcun lavoro consistente, MadMan si è anche astenuto da qualsiasi comparsata, infatti il totale di singoli rilasciati dal rapper pugliese durante il lockdown, ammonta a 0, mentre le strofe da ospite in un altro progetto, si contano sulle dita di una mano.

Come sempre, il digiuno aumenta la fame, dunque le aspettative per il ritorno di MadMan erano molto alte. A contribuire all’hype, l’annuncio della traccia “Veleno 8“, contenuta nel Mixtape.

MM4 è un disco il cui contenuto basta a rispondere a tutti coloro che si chiedevano “chissà come mai ci sta mettendo così tanto”, e non tanto per il minutaggio del progetto in sé, che è assolutamente nella norma, quanto più per la varietà di suoni e concetti che l’artista ha deciso di inserire nell’album.

Sin dalla prima traccia, infatti, è chiaro come molti testi e sonorità del disco, andranno a riprendere ed approfondire l’aspetto cosciente già presente in alcuni episodi della discografia dell’artista, ma che vediamo declinato in nuovi modi in quest’ultimo lavoro.

In altre tracce, invece, il rapper riprende quel sound già sperimentato in tracce come “GREVE”, che in ottica live/discoteche può sicuramente ripagare MadMan, il cui punto forte è la tecnica, caratteristica non ricercata nella classiche hit da club.

In generale le caratteristiche distintive ed ataviche dell’artista sono riconoscibilissime all’interno del disco, e continuano a fungere da perno per MadMan, che poggiandosi sulle sue basi tecniche solidissime, costruisce un disco completo e vario.

In MM4, cosí come in Veleno 8, l’identità dell’artista è ben impressa, e nelle sue tracce continua a permanere un forte timbro tecnico, ma questo non sembra in alcun modo limitare MadMan, capace di modellare il suo stile unico conferendogli svariate forme.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.