Gunna è stato scarcerato

ll rapper statunitense Gunna, ad un anno dalla sua carcerazione, è stato scarcerato e dovrà effettuare solo cinquecento ore di servizi socialmente utili.

Sergio Giavanni Kitchens – al secolo Gunna – il rapper statunitense con ben tre album all’attivo, è stato finalmente scarcerato. Sì perché dopo quasi un anno trascorso dietro le sbarre, l’artista è stato rilasciato poche ore fa ed è già virale su tutti i social il video in cui esce dal penitenziario. 

Molti i fan che hanno lungamente atteso questo momento – ed a quasi un anno dalla sua carcerazione – il rapper di Atlanta – sempre dichiaratosi innocente, ha deciso di patteggiare, dichiarandosi colpevole solo delle accuse RICO ovvero dei reati connessi alla corruzione e al racket (letteralmente: Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act). In questo tipo di accordo, denominato “Alford Plea” o “Best Interest Plea”, l’imputato infatti mantiene la sua innocenza e la sua libertà accettando però le ripercussioni di un verdetto da colpevole.

Ed in questo caso Gunna – o Wunna, così come si fa chiamare dai fan – è stato condannato a 5 anni di carcere, ma grazie all’Alford Plea, dopo un anno di detenzione è libero e dovrà spendere solo 500 ore in servizi socialmente utili. Insomma, uno sconto di pena non indifferente per l’artista che – appena uscito dal penitenziario – ha rilasciato uno statement alla stampa nel quale ha spiegato come lui faccia parte della YSL per puro amore per la musica e non ha mai visto la sua partecipazione al collettivo come un’affiliazione a una gang. 

«Ci tengo a chiarire che NON ho confessato, NON sono stato interrogato, NON ho cooperato, NON ho testimoniato contro o per nessuno all’interno di questo caso e NON ho alcuna intenzione di essere coinvolto nel processo in alcun modo» – ha infatti spiegato l’artista.

Il rapper, che ha iniziato a produrre musica a soli quindici anni, ascoltando Cam’ron e Outkast. Nel 2013 ha rilasciato il mixtape “Hard Body” con l’alter ego di Young Gunna. Nel 2016 invece registra “Floyd Mayweather” in collaborazione con Young Thug, e sempre nel 2016, rilascia il mixtape intitolato “Drip Season”. Nel 2017 esce “Drip Season 2”, mentre nel 2018 collabora come featuring nascosto a Yosemite di Travis Scott, contenuto nell’album Astroworld ed esce “Drip Season 3”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Le cover di venerdì 10 febbraio del Festival di Sanremo 2023 sono state ufficializzate. Scopri qui le 28 canzoni e tutti i featuring!
Francesca Chillemi è stata ospite su Radio Kiss Kiss, parlandoci di “Che Dio ci aiuti”, del suo podio delle serie preferite e altro ancora.