Geolier alla Federico II: “Qui posso solo imparare, non insegnare. Avrei voluto studiare di più”

Geolier ha tenuto un discorso davanti agli studenti all'università Federico II di Napoli. Ecco i passaggi più importanti.

Le parole del rapper

geolier università federico ii

Geolier è stato all'Università Federico II di Napoli, un appuntamento preceduto da qualche polemica. Infatti, alcune personalità locali hanno definito "assurda" la scelta di invitare l'artista a parlare all'interno dell'ateneo. Questo perché, secondo alcuni, si parlerebbe di un personaggio diseducativo per i giovani.

Il rettore Matteo Lorito, a tal proposito, ha detto: "Ci hanno tirato dentro a polemiche che non ci interessano, l’autonomia dell’Università è sacrosanta e con questo dibattito rispondiamo a tutte le critiche. Alcune preoccupate, alcune retrò, ma questa è l’università che noi vogliamo."

E infatti, l'appuntamento è avvenuto e Geolier ha mostrato la sua grande umiltà di fronte ai ragazzi della Federico II. "Qua dentro io non posso insegnare niente a nessuno, posso solo imparare - ha dichiarato il 24enne - Non è una lezione, ma una chiacchierata tra amici e ho mille paure e mille ansie come le avete voi."

A proposito di paure e di cultura, Geolier ha poi confessato: "Avrei studiato di più per comunicare meglio con le persone. Durante le prime interviste avevo paura di parlare: sono un ragazzo rionale, era strano dire una parola in italiano, forse quello è l’unico rimpianto che ho."

Non solo questi però, gli argomenti. Ovviamente, il rapper ha parlato del suo stretto legame con la città di Napoli e col suo quartiere. "Quando voglio stare tranquillo sto nel mio rione: lì le persone non mi fermano, sanno che sto là per sentirmi a mio agio, tutti mi chiamano Emanuele e mi piace."

Poi: "Tutti i pregiudizi su Napoli sono sbagliati. A Milano mi chiedono se esiste il casco a Napoli, i rapper vengono qui a Napoli e non indossano l’orologio, e io mi domando: Ma come? Vieni da Milano, che è la città con più reati, e poi arrivi qui e non ti metti l’orologio?"

Infine, la famiglia. "Mio padre quando parla crea silenzio, ma ogni volta che parla è un insegnamento: lui è quello che vorrei essere da grande. La prima volta che mi ha fatto un complimento è stato l’altro giorno per L’ultima poesia, la canzone con Ultimo, mi ha detto “È proprio bella”. Quello che faccio è per loro, se loro sono orgogliosi di me va bene. Mi posso pure fermare, non mi interessa altro."


Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il racconto di Mahmood a partire dagli anni in cui il successo era solo un sogno. Ecco le parole del cantante.
Il bonus mamme 2024 si allarga anche alle mamme coinvolte nella Pubblica Amministrazione. Dovrebbe essere erogato nel mese di maggio.