Geolier: “A Sanremo per far arrivare Napoli dappertutto. Anche Pino Daniele non veniva capito”

È ufficiale, Geolier porta a Sanremo 2024 una canzone integralmente in napoletano, se si fa eccezione per il breve verso "è tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro". Il rapper, che all'Ariston porterà la sua I p' me tu p' te, ha rilasciato un'intervista per La Stampa.

"Canterò un brano in napoletano a Sanremo - ha dichiarato Geolier - sono una bandiera della mia città e la sola cosa che mi interessa è far arrivare Napoli dappertutto. Spero che la gente capisca, da piccolo guardavo Sanremo a fianco di mia mamma e mio papà ed essere su quel palco è un sogno. Rapperò in napoletano anche nella serata dei duetti con ospiti rapper."

Ecco che poi arriva un paragone ardito: "Pino Daniele agli esordi quando cantava in napoletano e la gente non capiva diceva: “fatevi prendere dal Groove, il resto arriva da solo”. È così anche per me."


Ecco il testo di I p' me tu p' te, la canzone di Geolier per Sanremo 2024.

Nuij simm doije stell ca stann precipitann
T stai vestenn consapevole ca tia spuglia
Pur o’mal c fa ben insiem io e te
Ciamm sprat e sta p semp insiem io e te
No no no comm s fa
No no no a t scurda
P mo no, no pozz fa
Si ng stiv t’era nvta
A felicità quant cost si e sord na ponn accatta
Agg sprecat tiemp a parla
Nun less pnzat maij
Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij
O ciel c sta uardann
E quant chiov e pcchè
Se dispiaciut p me e p te
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu pe’te
Tu m’intrappl abbraccianm
Pur o riavl er n’angl
Comm m può ama si nun t’am
Comm può vula senz’al, no
È passat tantu tiemp ra l’ultima vot
Ramm natu poc e tiemp p l’ultima vot
No, no no no comm s fa
No no no a t scurda
P mo no, no pozz fa
Nun less pnzat maij
Ca all’inizij ra storij er gia a fin ra storij p nuij
O ciel c sta uardann
E quant chiov e pcchè
Se dispiaciut p me e p te
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient’altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
Sta nott e sul ra nostr,
Si vuo truann a lun a vac a piglia e ta port,
E pur si o facess tu nun fuss cuntent,
Vuliss te stell, vuless chiu tiemp cu te.
Piccio mo sta iniziann a chiovr
Simm duij estranei ca s’incontrano
E stev pnzann a tutte le cose che ho fatto
E tutto quello che ho perso, non posso fare nient'altro
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te
I p’me tu p’te