Esa è il Re della “Giungla”

“Giungla” è il nuovo ed accattivante singolo del giovane cantautore pop ESA. Il brano, oltre che a farci scatenare, ci farà anche riflettere.
esa

Esa Abrate si è fatto conoscere ai più attraverso la sua partecipazione al talent “Amici“. Ha poi racimolato ben 7 milioni di stream grazie al brano “DIMMI” e ha continuato a sorprenderci con l’uscita di “Avec Toi (Ce Soir)” e “Come Mai”. ESA, esattamente come un leone e precisamente come racconta nel suo nuovo singolo, non si arrende mai. Torna, infatti, in radio con un inedito dal titolo “Giungla“, un pezzo dalle sonorità afro e pop dance dedicato agli eroi della vita quotidiana.

La “Giungla” di Esa e l’incoronazione del Re

Edito da Hokuto Empire, etichetta discografica di Francesco Facchinetti, “Giungla” non è solo un brano accattivante e perfetto per accendere la radio, ma anche una riflessione. É una canzone che ci spinge, nonostante la sua linea melodica veloce e frenetica, a fermarci. A riflettere sul nostro modo di vivere: sempre di corsa per cercare di sopravvivere, in una città che è ogni giorno sempre più simile ad una giungla.

“La Giungla è la nostra società: presenta molti ostacoli ogni giorno e chi combatte, chi ci crede, chi non si arrende mai, ne è il Re.”

Per questo, ogni volta che la ascolteremo ci sentiremo tutti chiamati in causa. Ci riconosceremo tra le parole scritte e cantate da Esa Abrate. Aspetteremo che venga il momento della nostra incoronazione perché chi in un modo e chi in un altro, superando le difficoltà che incontreremo sul nostro cammino, diventeremo tutti Re e Regine della Giungla.

“Dimmi come si fa, dimmi come si fa senza manco parlare.

Vedo un lato di te che somiglia un po’ a me ma poi tanto scompare.

Rubi un pezzo di me, rubi un pezzo di me,

poi ci giochi con le tue mani.

Ma alla fine non siamo uguali quindi domani non sarò qua. “

Video youtube di “Giungla”

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dopo sei anni Beyoncé torna con un nuovo album dal titolo “Renaissance”. L’uscita è prevista per il 29 luglio.
Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.