DMX, dopo la morte boom di vendite dei suoi dischi

La scomparsa di Earl Simmons, conosciuto come DMX, star del rap venuta a mancare lo scorso 9 aprile per le conseguenze di un arresto cardiaco, ha portato all’impennata delle vendite dei suoi dischi.

Il catalogo dell’artista, tra il 9 e il 10 aprile scorsi, ha registrato un fortissimo incremento. Un dato impressionante se confrontato a quello di quando l’artista era ancora in vita.

Tra le canzoni che il pubblico ha acquistato poco la morte di DMX: Ruff Ryders’ Anthem, con quasi 10 milioni di stream, seguita da X Gon’ Give It To Ya (5,79 milioni), Slippin (5,52 milioni), Party Up (Up In Here) (5,20 milioni) e How’s It Goin’ Down feat Faith Evans (3,52 milioni).
L’exploit si conferma anche con i supporti fisici e i download: tra album e raccolte 101.000 copie vendute nel periodo compreso tra il 9 e l’11 aprile.

Il nuovo album di DMX, che purtroppo sarà pubblicato postumo, viene definito da Darrin Dee Dean (co-fondatore dell’etichetta di DMX), quello che potrebbe essere il migliore di Earl Simmons: «È un disco speciale – ha spiegato il discografico – Probabilmente non si è mai sentita musica come quella che abbiamo fatto. Questo album è probabilmente uno dei suoi migliori, sicuramente un classico.»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Prenotare le vacanze online comporta sempre un rischio truffe. Ne parliamo con Alessandro Petruzzi, vicepresidente Federconsumatori.
Oggi ci troviamo ad Agazzano, uno splendido comune dell’Emilia-Romagna in provincia di Piacenza. Scopriamo insieme le attrazioni e il cibo.