Daddy Yankee lascia la musica per la fede: “Vivrò per Gesù”

Daddy Yankee vuole seguire la parola di Gesù e smettere con il reggaeton, lo ha dichiarato durante il suo ultimo live.

L'annuncio a sorpresa

Daddy Yankee, una delle più grandi star e padre fondatore del reggaeton, ha deciso di abbandonare il mondo della musica per seguire la sua vocazione religiosa. Famoso per il primo grandissimo tormentone del genere, cioè Gasolina, il cantante è diventato uno dei più grandi esponenti mondiali della musica latina, partecipando anche ad altri successi come Despacito e Lo Que Pasó, Pasó. Nell'ultima tappa in concerto, tenuta a Puerto Rico, Daddy Yankee ha fatto un clamoroso annuncio. Ecco le parole dell'artista, al secolo Ramón Luis Ayala Rodríguez.

"Ho potuto viaggiare il mondo per anni, vincere molti premi, ricevere applausi, ma mi sono reso conto di una cosa che dice la Bibbia: che ci guadagna un uomo ad avere il mondo ai suoi piedi se poi perde la sua anima? Per questo stasera riconosco, e non me ne vergogno di dirlo al mondo intero, che Gesù vive in me e che io vivrò per lui. Una storia è terminata e ne comincia una nuova, un nuovo inizio. Tutti gli strumenti che ho, come la musica, i social media, un microfono, tutto quello che mi ha dato Gesù, sono ora per il Regno. Grazie Porto Rico, spero che voi veniate con me in questo nuovo inizio e spero che vi mettiate in testa qualcosa di importante: non seguite nessun uomo, io sono umano. A tutti quelli che mi hanno seguito: seguite Gesù Cristo che è il cammino, la verità, la vita. Molte grazie, che Dio vi benedica."

È davvero l'ultimo atto della carriera di Daddy Yankee, che è stata costellata di successi e soddisfazioni? Forse, arrivato a 46 anni, il cantante ha scelto di intraprendere una strada unicamente spirituale e di ritirarsi a vita privata. Sarebbe davvero una svolta epocale per la musica latina.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Sono stati approvati una serie di regolamenti sul Codice della strada non esattamente in linea con la stretta sulla sicurezza. Vediamoli.