Blanco, il poeta della “Nostalgia”. Fuori il nuovo singolo

Sbalorditivo il ritorno di Blanco. Dopo il successo di "Brividi", l’artista bresciano ha pubblicato il nuovo singolo Nostalgia.

Amore, rabbia, nostalgia, sentimenti condivisi di cui si fa poeta e portavoce Blanco con il suo nuovo singolo.

Sbalorditivo il ritorno di Blanco. Dopo il successo di “Blu Celeste e “Brividi”, l’artista bresciano ha pubblicato il nuovo singolo Nostalgia. E con il brano, anche il video ufficiale.

Blanchito babe, Michelangelo mettimi le ali”, poi parte la canzone. Una canzone che parla d’amore, un’amore ormai sfumato, che però fa ancora male dentro. Le sonorità e l’adrenalina, quelle tipiche del suo album di debutto “Blu Celeste”. Un “Manderei tutto a fanculo senza di te” , nel cuore della canzone.

Blanco ha rilasciato a mezzanotte un pezzo nuovo. Si intitola Nostalgia ed è un ritorno allo stile, alle sonorità, oltre che all’energia, quella tipica del suo album di debutto Blu Celeste.

Nostalgia non di un tempo, ma di una persona che è lontana e che manca come casa. Una sensazione così radicata dentro da far male. La mancanza dell’altra persona porta alla mente attimi del passato: continuamente si guarda indietro, pensando a ciò che è stato e poteva essere, al dolore provocato e subito, alle cose dette e fatte “senza più provare amore”.

Il video della canzone è realizzato in bianco e nero ed è diretto da Simone Peluso, già regista di altri video di Blanco come Ladro di fiori, Paraocchi e Notti in bianco, ma anche di Zitti e buoni dei Måneskin e di Bella storia, il video di Fedez con Chiara Ferragni.

Il filmato vede Blanco aggirarsi, anche in mutande, per le strade di New York, in un mix di energia, rabbia, dolore e malinconia.

Il testo di Nostalgia

Blanchito, baby
Michelangelo
Mettimi le ali, ah

Ti vorrei comprare come se fossi una bambola
Ti vorrei curare ogni ferita che ti sanguina
A costo di rischiare di cadere in una trappola
E ricordarmi di te solo
Per le scopate che abbiam fatto senza più provare amore
Tutto quel che ci siam detti senza più provare amore

E arrivare a litigare fino a stare male
E me ne andrei, ma non potrei scordarti

Per i tuoi occhi color mare, color mare
Vuoti da colmare, da colmare
Vuoi colmarli col sеsso, vuoi farlo adesso
Fino a non sentir più me stеsso, fino all’eccesso

Ti ho detto che non posso stare senza di te
Che manderei tutto a fanculo senza di te
Senza di te, ma ho nostalgia, ia
Perché sei come casa mia, ia
Ti ho detto che non posso stare senza di te
Che manderei tutto a fanculo senza di te
Senza di te, ma ho nostalgia, ia
Perché sei come casa mia, ia

Quante, quante cose devi dirmi ancora?

E sono giorni che non torni e, sì, te ne fotti

Che ti voglio qui che mi affronti e mi prendi a schiaffi
E lasci da parte l’orgoglio mentre io ci riprovo
Vuoi una notte da fuoco e mi rinnamoro di te

Per i tuoi occhi color mare, color mare
Vuoti da colmare, da colmare
Vuoi colmarli col sesso, vuoi farlo adesso
Fino a non sentir più me stesso, fino all’eccesso

Ti ho detto che non posso stare senza di te
Che manderei tutto a fanculo senza di te
Senza di te, ma ho nostalgia, ia
Perché sei come casa mia, ia
Ti ho detto che non posso stare senza di te
Che manderei tutto a fanculo senza di te
Senza di te, ma ho nostalgia, ia
Perché sei come casa mia, ia

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Dal 1 luglio, in rotazione radiofonica, la nuova canzone del rapper Emis Killa intitolata “Lucifero”.
Il producer multiplatino AVA torna, in radio ed in digitale dal 1 luglio, con il singolo “Tête”. Ad accompagnarlo ci saranno i rapper Medy e VillaBanks.