Alex Britti, il testo di “Supereroi”

"Supereroi" si preannuncia come l’ennesimo successo da aggiungere al repertorio musicale del cantante amato in tutta Italia.

Supereroi” scritto e prodotto da Alex Britti e finalmente pronto ad uscire a distanza di soli 6 mesi dalla release di Tutti come te e Nuda – che la scorsa primavera hanno rivelato le sue due anime pop e cantautorale – promette di conquistare tutti gli appassionati grazie alla straordinaria combinazione di note che spaziano dal blues al rap in una chiave prettamente elettronica, unita a un testo impegnato e riflessivo. La canzone rappresenta un’evoluzione dello stile unico di Alex, che continua a sperimentare suoni del tutto distintivi, mescolando più generi musicali. Con la sua voce coinvolgente e accompagnato dalla sua fedele chitarra, Alex trasmette emozioni profonde che arrivano dirette agli ascoltatori.

Il testo di “Supereroi” di Alex Britti

Volevo vivere una vita senza regole 
allora ho preso questa strada da artista 
credevo fosse come nelle favole 
che è sempre tutto oro quello che luccica 
volevo andare su una strada liscia 
che senza buche come quelle di Roma 
volevo farmi scivolare addosso 
lavoro, amore e tutte le altre cose strane 

Ma il tempo dà ragione solo a chi si insiste

e non accetta chi si prende gioco di lui 
devo lottare per non essere triste 
devo raggiungere uno stato fisico mentale 
eccezionale come quello di un killer 
e mai banale come quello di un re 
se questa vita cambia peggio di un thriller 
allora meglio che ci organizziamo e diventiamo 

Supereroi, supereroi 
noi che lottiamo coi mulini a vento 
Supereroi, supereroi 
siamo tra noi 
Supereroi, supereroi 
che la mattina ci svegliamo a stento 
Supereroi, supereroi 
siamo tra noi 

Magari dopo provo a farti uno squillo 
aperitivo come quelli dei film

ritornerò a casa forse appena un po’ brillo 
ma sempre sincero e mai fuori di me, di me 
la schiena dritta e immagino il futuro 
non sarà facile perché hai visto oggi com’è 
e se domani sarà sempre più duro 
allora meglio che ci organizziamo e diventiamo 

Supereroi, supereroi 
noi che lottiamo coi mulini a vento 
Supereroi, supereroi 
siamo tra noi 
Supereroi, supereroi 
che la mattina ci svegliamo a stento 
Supereroi, supereroi 
siamo tra noi 

Ci chiamano uomini mangiamo nuvole 
giriamo nel traffico facciamo miracoli 
ci chiamano santi 
ci chiamano eroi ma i salti mortali chi meglio di noi 
ci chiamano angeli ci chiamano bestie 
lavoriamo sodo abbiamo doti nascoste 
teniamo duro noi siamo speciali 
noi siamo come gli altri ma non siamo tutti uguali 

Veniamo da Marte, Veniamo da Giove 
veniamo da un pianeta, non so bene da dove 
facciamo progressi, facciamo scintille 
nuotiamo in acqua dolce siamo come le anguille 
scaliamo montagne, spacchiamo le rocce 
e poi a fine mese otteniamo minacce 
abbiamo poteri sconfinati 
non moriremo mai perché non siamo mai nati 

Supereroi, supereroi 
noi che lottiamo coi mulini a vento 
Supereroi, supereroi 
siamo tra noi 
Supereroi, supereroi 
che la mattina ci svegliamo a stento 
Supereroi, supereroi 
siamo tra noi

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare