Italiani favorevoli alla settimana corta e anche Lamborghini apre alla novità

Oltre la metà degli italiani (55%) è disposta a guadagnare meno pur di avere un giorno libero in più. Secondo un recente sondaggio, la percentuale aumenta fino al 62% nella fascia di età compresa tra 25 e 34 anni. La cosiddetta “settimana corta” già sdoganata in diversi paesi d’Europa è diventata oggetto di proposta di legge anche in Italia.

L’associazione che riunisce gli istituti di sondaggi d’opinione e le maggiori aziende impegnate in ricerche sociali e di mercato (Assirm) ha effettuato una indagine per Confindustria Intellect da cui emerge un contesto in grande evoluzione negli ultimi anni, con una forte accelerazione durante e dopo la pandemia di Covid. Il 63% degli intervistati, infatti, riferisce di avere nuove attese e aspettative nei confronti della propria occupazione: il 61% cerca una buona retribuzione, il 58% un trattamento equo nei confronti dei dipendenti e un contesto di lavoro piacevole e stimolante. Tra le motivazioni incentivanti sono, a pari merito, l’equilibrio con la vita privata e la crescita personale (55%), mentre tra quelle di insoddisfazione spiccano lo stipendio non sempre all’altezza (38%) e lo stress (26%). Tuttavia, le aspettative e le ambizioni dei lavoratori devono fare i conti con le esigenze delle aziende, cosicché spesso occorre fare gli straordinari, dare reperibilità e gestire livelli crescenti di nervosismo.

Intanto la “settimana corta” dopo Luxottica arriva anche in Lamborghini. La notte tra il 4 e il 5 dicembre è stata firmata, dopo un anno di trattative, l’ipotesi di accordo tra Rsu, Fiom, Fim e il gruppo di Sant’Agata Bolognese sul contratto integrativo aziendale. Il testo verrà avanzato prossimamente ai dipendenti e sarà sottoposto a referendum. Nel dettaglio si prevede la riduzione dell’orario di lavoro, l’aumento del salario annuale, cinquecento nuove assunzioni, un percorso di miglioramento sugli appalti continuativi del sito, il consolidamento dei diritti e la tutela delle differenze. Il principio della trattativa: lavorare meno, lavorare meglio. I sindacati la definiscono un’intesa storica: “Perché vede per la prima volta un’industria dell’automotive in Europa raggiungere una consistente riduzione dell’orario di lavoro con una maggiorazione del salario”.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Liam Gallagher ha affermato che l’iniziativa per il ritorno sui palchi degli Oasis dovrebbe prenderla fratello Noel.
Nel Regno Unito, Mary Poppins è passato dall’essere un film per tutti a essere un film per bambini dai dodici anni in su.