Mr. Rain: “Pausa dalla musica? Voglio solo fare una vacanza. Il mondo di oggi è troppo veloce”

Mr. Rain è stato negli studi di Radio Kiss Kiss per presentarci il suo nuovo album e per parlarci dei suoi progetti futuri.
L’intervista di Mr. Rain con Marco e Raf

È con noi Mr. Rain!

«Ciao ragazzi, grazie per l’invito, è sempre un piacere. Tra l’altro è la prima volta nella vostra sede.»

Due Altalene” è disco d’oro, complimenti!

«Grazie! È un super piacere. Ringrazio tutte le persone che ci hanno lavorato, voi, le persone che mi hanno supportato. È un sogno.»

Il tuo nuovo progetto, che si chiama “Pianeta di Miller”, è ispirato al film “Interstellar”, possiamo dire che è un concept album?

«Assolutamente, è una citazione a Interstellar che è il mio film preferito in assoluto. Intanto nel film il pianeta di Miller è completamente composto dall’acqua, quindi è perfettamente in linea con quello che sono.»

Ti riguarda. Come la copertina!

«Ho scelto di fare questa citazione perché spesso mi sento come Cooper, il protagonista. È come se viaggiassi a una velocità differente dal resto del mondo, è come se vivessi proiettato perennemente nel futuro e nelle cose che devo fare. Questo non mi fa dedicare il tempo giusto alle cose che amo e che contano davvero. Prima di scegliere il titolo e il concept di questo disco, mi sono fatto questa domanda: quando riguarderò tutta la mia vita tra 50 o 60, con i punti chiave di questo percorso, sarò soddisfatto del tempo che ho dedicato per gustarmi e celebrare ogni tappa? Probabilmente no. Sto andando troppo veloce. Devo imparare a rallentare il tempo per dedicarlo alle cose che contano veramente per non pentirmi di non aver vissuto cose, momenti o persone che non torneranno più.»

Quali sono questi momenti che vorresti viverti di più?

«Sicuramente la mia vita privata, le persone che amo, la mia famiglia, la mia ragazza. Ma anche le cose. Quando ho fatto molti concerti non stavo vivendo al 100% quel momento lì. Magari pensavo a dieci canzoni dopo, a un mese dopo. Voglio imparare a non pensare ad altro se non le cose che sto vivendo in questo istante. Come questa intervista.»

Potrebbe anche essere un suggerimento per i tuoi fan e per chi non ti segue. Godiamoci di più il momento.

«Per me è fondamentale. Già il mondo oggi come oggi va troppo veloce, dovremmo imparare tutti a cercare di non pensare ad altro se non le cose che stiamo facendo in questo momento e le piccole cose. Siamo tutti fortunati, siamo circondati dalle persone che ci amano, noi qua facciamo il lavoro più bello del mondo. Ognuno è fortunato e dovrebbe rendersene conto ogni secondo, anche solo nel respirare, nel parlare con un amico, farsi un giro in macchina o al mare, mangiarsi una pizza.»

Nelle tue parole qualcuno però ha letto un altro messaggio. Tant’è che sono usciti dei titoli questi giorni in cui si diceva che volevi prenderti un periodo di pausa dalla musica.

«Ho fatto questa piccola intervista per raccontare che volevo prendermi un po’ di tempo per una vacanza, o comunque pensare al mio prossimo step di musica e di vita. Da una vacanza è diventata una vacanza di anni. In realtà io non mi fermo. Voglio prendermi il tempo giusto per fare quello che devo fare, ho anche un tour nei palazzetti.»

Ci dicevi che volevi viaggiare prima in Spagna poi in Brasile.

«Spagna per lavoro e Brasile per vacanza. Sto lavorando al mio disco in spagnolo, studiando e facendo session con artisti spagnoli. Sto coltivando il mio percorso all’estero, credo sia una bellissima cosa. Sono una persona che ama riempirsi di sfide, sono il nemico di me stesso. Questa cosa mi sta regalando moltissime emozioni.»

Nel nuovo album c’è “Figli della notte”, una canzone per i tuoi fan. Noi abbiamo fatto l’operazione Fan Games durante Sanremo, hai incontrato i tuoi fan, i Pioggerellini. Abbiamo la referente qui in collegamento, Giovanna, che ha una domanda per te sulla canzone scritta per i fan.

Giovanna: «Dove è nata questa idea? C’è stato un evento, un’emozione che ti ha portato a scriverla?»

«Sicuramente le cose che ho vissuto ai concerti, incontrarvi per strada, agli eventi. È un regalo che ho pensato di farvi pensando di crearvi questo inno per le persone che vengono ai miei live, siamo tutti figli della notte, quelli che cantano sotto la pioggia. Ed è l’unica canzone che ho spoilerato al mio primo Forum, che è stato importantissimo per me, e ci tenevo a farlo perché tutti voi siete importantissimi. Non smetterò mai di ringraziarvi, perché se posso fare musica ogni giorno è grazie a voi.»

Le date dei prossimi live di Mr. Rain: Roma, Milano, ma farai tappa anche in altri palasport, Ancona, Brescia, Padova, Firenze. Vogliamo sempre uno spoiler sui live. O ci sveli qualche ospite, o la scenografia, o la prima canzone con la quale partirai.

«La prima canone è troppo preziosa. Poi ancora non la so, sono in fase di scelta. Vi posso dire che a ogni tappa sto prevedendo qualche ospite. Saranno diversi in ogni tappa, per ringraziare chi sarà presente al live. Sto ampliando davvero molto la mia band. E saranno più di due ore di live, ormai sono tanti pezzi, ne farò più di trenta.»

I bambini ci saranno?

«Li ho chiamati per il Forum e forse in qualche tappa verranno.»

È stato con noi Mr. Rain!

«Grazie!»

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Il FEM (Future Education Modena) è un centro per l’innovazione in campo ambientale ed educativo che sviluppa progetti in grado di coinvolgere i ragazzi delle scuole italiane