Baby K a Kiss Kiss: “Voglio un’Italia multiculturale, come la mia musica…”

Nuovo appuntamento con "Due Kiss a distanza", l'irriverente format di Radio Kiss Kiss condotto da Marco&Raf!

È appena uscito il suo nuovo singolo con Alvaro Soler, “Non dire una parola”, che è già in tendenza su YouTube.
È venuta a darci “Due Kiss a Distanza” la regina delle hits, Baby K!

Una collaborazione che sorprende, con il lancio del singolo alle porte dell’autunno e non in piena stagione estiva: “Ci eravamo detti tempo fa che avevamo la volontà di collaborare” – esordisce Baby K – “però avendo uno stile non prettamente uguale serviva il brano giusto. Io gli ho proposto questo brano e lui ha subito detto di sì, il che per me è stato un regalo enorme e ne sono molto contenta”.


La tematica su cui verte il brano è il costante oscillamento tra la voglia di libertà e la paura di rinunciare ad una storia importante. Ma allo stesso tempo, secondo l’artista, libertà e amore sono due ingredienti fondamentali in una relazione.
“Devono coesistere.” – afferma – “Perché la libertà è una cosa che riguarda la sfera personale e, come cito anche in un altro brano del mio disco, c’è una differenza tra l’idea di possesso e il senso di appartenenza. La storia diventa molto difficile quando qualcuno ti mette nella condizione di dover scegliere e quindi significa che c’è qualcosa che non va. L’ho vissuto anche personalmente sulla mia pelle. È importante quindi anche la libertà nella coppia.”
In un ambiente quasi completamente dominato dagli uomini, quello del rap, si è fatta orgogliosamente spazio divenendo la donna che ha ottenuto maggiori successi. Alle donne che si trovano a fronteggiare contesti lavorativi dove la figura dell’uomo è ancora privilegiata, ha dichiarato: “Sicuramente la cosa più importante è il non aver paura di cantare la propria strada senza dover ricorrere a ripari o doversi affidare a qualcuno. Io provengo da una lunga gavetta, è importante la costanza, l’originalità e anche la preparazione. La strada non è immediata, però a volte le storie più lunghe poi portano a mete ancora più grandi.»

Infine, Baby K si è detta profondamente toccata dalla tematica del multiculturalismo, tanto da ricercarla nella sua stessa musica, esplorando mondi diversi e dando vita a uno straordinario mix di stili.

“Queste sono tematiche molto importanti, ma che sento anche molto mie.

Quando sono arrivata in Italia facevo fatica a vedere diverse tonalità di pelle in giro, ma oramai l’Italia sta alla seconda o alla terza generazione di immigrati. Però è bello aver visto anche, in quest’anno, sui social, tanti discorsi che riguardano l’inclusione.”

La mia musica rispecchia proprio questa voglia di multiculturalismo perché è molto ibrida, si affaccia anche a generi non italiani. Esploro il mondo latino, il mondo urban… C’è maggiore attenzione a queste tematiche ed è bello vedere che c’è una maggiore apertura, ma c’è ancora strada da fare perché dobbiamo renderci conto che essere italiani significa anche portarsi alle spalle altre culture. Un conto è la nazionalità e un conto è la propria matrice culturale, possiamo essere multiculturali pure essendo italiani.»

Guarda l’intervista completa

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

“Non mi prendono perché non sono un influencer” risponde Zucchero su una sua probabile presenza a Sanremo, parlando poi di Beatles e U2.
Il rapper e produttore discografico Drake ha investito più di 100 milioni per rinnovare un parco a tema Basquiat, Haring, Dalì, Hockney etc.