Il presidente messicano chiede scusa ai Maya per i secoli di abusi

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador si è reso protagonista di un gesto a dir poco straordinario: ha chiesto scusa alla popolazione Maya per i secoli di abusi nei loro riguardi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador si è reso protagonista di un gesto a dir poco straordinario: ha chiesto scusa alla popolazione Maya per i secoli di abusi nei loro riguardi.

Nello specifico, le scuse arrivano riguardo i secoli di dominazione spagnola che hanno visto la popolazione indigena assottigliarsi in maniera significativa, schiacciata dalla violenza e dagli abusi di potere dei conquistatori.

Le scuse, rivolte ad una platea colma di rappresentanti della comunità maya, si è svolto nella municipalità di Felipe Carrillo Puerto, nello stato caraibico di Quintana Roo, simbolo della resistenza indigena durante la Guerra di Casta.

Durante questo conflitto – tenutosi dal 1847 al 1901 – si stima persero la vita oltre 250mila persone.

Una vera mattanza alla quale oggi – con umiltà e spirito di collaborazione – prova a porre rimedio il presidente messicano.

Nella speranza che la comunità Maya possa nuovamente crescere e prosperare, conservando per sempre la sua storia straordinaria.

Foto di Andrés Manuel López Obrador

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

In questo appuntamento di “Saluti da Kiss Kiss” Max&Max ci portano a Sessanio, splendido borgo medievale in provincia de L’Aquila.
Nell’ultimo appuntamento è venuto a trovarci Matteo Faustini, tra i grandi protagonisti della Kiss Kiss Play Summer 2021!