Carissima Cipus, son passati 25 anni da quando in quella giornata un po’ grigia ci sposammo, appena fuori Pisa. Da subito, le circostanze della vita ci hanno portato a non vivere appieno la bellezza di ciò che stavamo per costruire. Abbiamo avuto due figli stupendi e un grande progetto da portare avanti, quello della casa in Maremma, che da un lato ci ha uniti in questa impresa lontano da amicie parenti, da un lato ci ha allontanati anche per il mio atteggiamento tumultuoso poco incline all’ascolto. Ora che sono passati 10 anni dal nostro divorzio e 25 dall’8 maggio 1999 giorno del nostro matrimonio, ti vorrei ringraziare per tutto quello che hai fatto per me e che continui a fare, per gli anni che hai dedicato allo starmi vicina, per essere la madre straordinaria dei nostri figli… Sei la donna più importante della mia vita e lo sarai per sempre, a prescindere!