Consigli su come educare il cane a fare i bisogni fuori casa

I consigli del Dog trainer Massimo Perla su come è meglio educare il cane a fare i bisognini fuori casa.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Il Dog trainer Massimo Perla chiarisce alcune false credenze sull’educazione dei cani.

In questo appuntamento di “Kiss Kiss Bau Bau” è stato affrontato il tema dei “bisognini” e di come insegnare al cane il luogo in cui vanno fatti.

La bruttissima abitudine di strofinare il muso del cane sulla pipì (per insegnargli dove fare i propri bisognini) purtroppo è ancora dura a morire.
Come spiegato da Massimo Perla, per educare il cane a fare i bisogni fuori casa tutto ciò che occorre è il tempo. Il padrone, infatti, deve portarlo fuori anche ogni mezz’ora e avere la pazienza di restare in giro fino a che il cane non abbia fatto i bisognini. Pian piano imparerà.

La pazienza di attendere che il cane faccia i propri bisognini è fondamentale, perché, quando il cane è cucciolo e si trova fuori casa, viene distratto da mille cose e spesso non riesce a fare la pipì. Capita quindi che, tornato a casa, si rilassa e fa pipì proprio dove non deve. Meglio, quindi, restare in strada finché il cane non si sia liberato.

Secondo Massimo Perla, può essere utile la tecnica del fazzoletto bagnato di pipì del cane, da mettere dove si vuole che il cucciolo faccia i bisognini.
Per agevolare l’apprendimento, inoltre, il padrone può portare il cane fuori casa subito dopo che abbia mangiato, momento in cui i cani sono soliti fare i bisogni.

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

Si tratta di una fase molto importante e delicata per il cucciolo, tanto importante che condizionerà la sua vita da adulto. Spesso, però, si commette l’errore di sottovalutarla.
La cantante Adele ha annunciato sui social la data di uscita del suo nuovo album e ha spoilerato anche la cover del disco.