Coltivazioni di Canapa in Italia: presto la legge per regolamentarne l’utilizzo

Per fare chiarezza sulle normative, sulla produzione e tutto ciò che c'è da sapere in materia abbiamo sentito Stefano Masini, capo area ambiente di Coldiretti!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Questa mattina in Good Morning Kiss Kiss abbiamo parlato di canapa e cannabis.

Per fare chiarezza sulle normative, sulla produzione e tutto ciò che c’è da sapere in materia abbiamo sentito Stefano Masini, capo area ambiente di Coldiretti:

“La canapa ha avuto un risveglio recente dal punto di vista dei volumi, è stata una delle colture più importanti fino al dopoguerra. Poi la rivoluzione industriale ha fatto sì che questa coltivazione fosse abbandonata rispetto all’importazione di diversi tessuti. In un periodo di maggiore attenzione all’ambiente sarebbe il caso di recuperare la tradizione di questa coltura. Serve coerenza sul piano legislativo,. bisogna sapere esattamente cosa è possibile coltivare. Il consumo di cannabis ad uso terapeutico è impensabile che lo Stato continui ad importare dall’estero invece di assegnare piccoli lotti a specifici coltivatori. La canapa è un settore che si presta a moltissime soluzioni, a partire dall’alimentazione. Con gli oli, con i semi si possono ottenere prodotti che vanno da quelli di prima trasformazione fino a quelli più elaborati. Non mancano birre, vini, cosmetici. Con la canapa si possono realizzare anche prodotti per l’edilizia, insomma le applicazioni sono tantissime. Prospettive per l’imprenditoria? Bisogna avere attenzione e prudenza negli investimenti perché mancano delle certezze in merito alla produzione nonostante l’Europa la legittimi. Occorre sempre costruire una filiera in collaborazione con la polizia giudiziaria e con la massima trasparenza”

Notizie del giorno

ti potrebbe interessare

I ricercatori sottomarini di OceanGate, attraverso video spettacolari, hanno lanciato l’allarme del veloce deterioramento del relitto del Titanic.
I Foo Fighters si sono esibiti a New York in un concerto sold out post pandemia, il primo live a piena capienza negli Stati Uniti.